"Quei manifesti sono illeciti"

Circa un anno fa la nostra associazione si era occupata della cartellonistica del Circo Miranda Orfei notando che i cartelli erano affissi sui pali della luce. Oltre al comunicato stampa avevamo segnalato il tutto alla Polizia Municipale e al Difensore Civico di Ravenna. Passarono 15 gg e Mirando Orfei se ne andò col suo Circo e con i suoi tristi animali, le risposte dagli enti interpellati arrivarono successivamente, e poco dopo anche il Difensore Civico di Ravenna se ne andò. Tutto si concluse con un nulla di fatto. Oggi vediamo, di nuovo, cartellonistica circense affissa ai pali della luce (forse tra un po’ li metteranno anche nelle rotonde come la loro collega Miranda). Questa volta si tratta del Circo Medrano. Ora, riscriveremo nuovamente alla Polizia Municipale segnalando che secondo la legge parrebbe che i manifesti possono essere affissi solo negli spazi di affissione e documentando con foto come l’altra volta, ma nel frattempo riteniamo la composizione artistica che sta girando su facebook sicuramente più efficace dell’iter che avevamo intrapreso noi. Non conoscendo l’artista che l’ha composta ci auguriamo che il suo messaggio arrivi forte e chiaro su cos’è il circo che sfrutta gli animali e che tipo di educazione dà ai nostri figli. Ricordando sempre che questa forma itinerante di “non spettacolo” gode pure di finanziamenti pubblici.
Ravenna Punto a Capo

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.