Nuove misure di sicurezza al Benelli, “Spreco di tempo e soldi”

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un lettore sulle nuove misure di sicurezza per lo stadio Benelli richieste dalla questura ed emanate dal Comune.

 

Da frequentatore del Benelli da 27anni sono rimasto sorpreso e dispiaciuto per quanto visto domenica.
Tutto quello messo in pratica dalla questura è uno spreco di soldi, tempo e risorse, che potrebbero essere usate meglio.
Spreco poi inutile perché come testimoniato da un video di un utente, sulla pagina di Facebook dei tifosi del Ravenna, mille divieti, mille strade chiuse, poi si poteva raggiungere tranquillamente biglietteria e curva ospiti con tutti i rischi del caso, ed ovviamente anche loro avrebbero potuto più che agevolmente raggiungere la curva nord, volendolo fare.
Si potrebbe tranquillamente calibrare la chiusure delle strade a seconda della tifoseria che si andrà ad affrontare, eventualmente, tanto anche in questura sanno la "pericolosità" della stessa ed eventuali precedenti tra di noi.
In alcune partite ci saranno una dozzina di ospiti, cosa facciamo chiudiamo mezza Ravenna o controlliamo, se necessita, il manipolo di ospiti in arrivo e basta?!
Sempre partendo dal punto di vista che potrebbe bastare chiudere via Berlinguer nel pezzo chiuso domenica e le 1-2 strade vicino alla curva ospiti, anche nelle partite con maggior seguito di tifosi ospiti.
Sul divieto del bere poi è follia allo stato puro, ovunque, negli stadi maggiori del nostro paese e anche all'estero, che i nostri politici vogliono copiare, la birra scorre a fiume e senza problemi.
Posso essere d'accordo ed accettare senza problemi il divieto al vetro, questo si, ma non oltre.
È demenziale che negli altri impianti cittadini si possa bere senza problemi, perché non allo stadio?
I tifosi ospiti ci sono anche al Pala de André nel basket e nella pallavolo.
Non c'è una legislatura diversa al riguardo tra stadio e palazzo, il comune e sindaco sono gli stessi, la questura ed il questore idem, e quindi?
Per 1500 o 2000 persone che siano, peraltro da sempre tranquille, sono misure repressive che non meritano, come non meritano i cittadini del quartiere stadio, che dello stadio se ne fregano, una militarizzazione ed una chiusura simile.
Qualcuno in comune dovrebbe farsi un esame di coscienza e capire che tutto quello fatto è insensato e farsi carico della cosa ed andare a parlare con prefetto o questore, o con chi ha messo su tutto sto teatrino inutile
”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017