“Carissimo assessore Cameliani, un consiglio sul commercio”

Carissimo assessore Massimo Cameliani,

mi permetta un “consiglio” sul commercio. Si assiste, ormai ogni settimana, al proliferare di iniziative a carattere gastronomico che riempiono sì le piazze: ma non di operatori del nostro territorio.

 

Ogni occasione è buona per proporre prodotti e piatti sicuramente di alta qualità, dimenticando però le esigenze dei nostri ristoratori. Perché dietro l’apertura e la gestione di un locale ci sono importanti investimenti, che vengono fatti a ragion veduta. Chi decide di “aprire” a Ravenna - e non, cosa importante per il territorio, in altre zone - lo fa analizzando la concorrenza, la tipologia dell’offerta. Ma se questa offerta cambia e aumenta ogni settimana, come è possibile pianificare? Insomma, magari c’è chi ha investito un milione di euro per allestire un esercizio sapendo che c’era un certo numero di concorrenti. Ma se si destabilizza costantemente il mercato come è possibile fare impresa?

Ecco assessore, con la sua delega al commercio penso che lei dovrebbe tenere conto di questa situazione.

C’è un ulteriore aspetto. Molto spesso chi partecipa alle iniziative gastronomiche nelle piazze o in altri luoghi non è un operatore economico, bensì un soggetto che utilizza queste occasioni per raccogliere fondi da destinare ad attività benefiche. Intento nobile, per carità: penso tuttavia che la beneficenza si faccia donando liberalmente denaro o tempo, non commerciando in maniera stabile e ricorrente beni e servizi. Più o meno paradossalmente, si potrebbe dire che in questo caso alla beneficenza “compartecipano” i ristoratori: con i mancati introiti...

 

Suo estimatore

Robin Hood

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018