Palazzo Rasponi, “Un incrocio fra ristorante e quartiere fieristico: tradita la volontà del conte”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore

 

"Gentile redazione,

fra i Ravennati è notizia nota che l’ultimo  Rasponi, il conte Lanfranco, giornalista, pr, pubblicitario,  volle che il proprio palazzo dopo la sua morte fosse dei Ravennati destinato all’uso pubblico e ai cittadini. 

Francamente un uso pubblico che lo rende un incrocio fra un ristorante, una sala da ballo, un centro congressi, un quartiere fieristico e sede di uffici comunali vip, non credo sia rispondente alle aspettative dell’ultimo Conte e soprattutto al rispetto che ognuno di noi deve avere della storia che incrocia".

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018