Crisi dei consumi, “I comuni non incrementino le aliquote dell’Imposta sulla Pubblicità”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore

“Spettabile redazione,

con la finanziaria nazionale approvata a Capodanno, lo Stato, come è noto, ha dato ai comuni la possibilità di incrementare le imposte locali. Fra quelle incrementabili figura anche l’ICP (Imposta Comunale sulla Pubblicità), che grava prevalentemente sui commercianti. Ciò premesso, vista la crisi del comparto, si auspica che gli enti locali non si avvalgano della suddetta facoltà. Al limite, ove proprio lo si ritenga necessario, si riformino le zonizzazioni ponendo nelle aree di maggior pregio, e quindi di maggior imposta, la GDO e non i piccoli operatori già in forte difficoltà, senza incrementare le tariffe della tassa”.

RH

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.