“Nella città del Maestro Muti e del Ravenna Festival sugli scaffali delle catene la musica classica è una rarità”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore, che medita sulla musica come specchio di un impoverimento culturale in città.

“Gentile Redazione,

ieri stavo riordinando casa e mi è passata tra le mani una musicassetta del Concerto dei Tre Tenori a Caracalla. Purtroppo, mi sono accorto che l'audio era rovinato e così ho cercato online, scoprendo che è uscito, proprio quest'anno, il cd celebrativo dei 25 anni di tale concerto. Ho quindi deciso di andare a comprarlo, ma ho fatto un’amara scoperta.

Ammetto di non essere stato in centro negli unici 2 negozi (ROK e La Feltrinelli) che vendono ancora musica, ma sono stato nei principali supermercati e rivenditori di cd della città (MediaWorld, Comet, Unieuro e Coop), accorgendomi che nessuno tiene più negli scaffali la musica classica.

Non voglio sentir parlare di mercato, Youtube, Amazon e dintorni, cose che comprendo benissimo. Quello che mi spiace è aver constatato questo sintomo di ignoranza diffusa, proprio nella città di Muti e del Ravenna Festival.

Son contento che alcune scuole insegnino ancora la musica e formino orchestre e son contento di alcune maestre che alle elementari fan vedere il film "Fantasia" di Disney e chiedono ai bambini di raccontare le loro emozioni, ma mi spiace aver trovato gli scaffali pieni unicamente di ‘trap’.

Spero che la scuola comprenda il disastro incombente e mi spiace perché l'ignoranza, in senso lato, è il grimaldello per aprire alle dittature, al razzismo, all'intolleranza, al popolo ‘pecora’. Con mille scuse e tanta tristezza.

Fra Bartolomeo”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.