2 luglio 2010 - Bar Sport

Mondiali 2010, la sfida delle sexy tifose

Il torneo entra nel vivo, tra sport e gossip

Sugli spalti la sfida è tra le sexy tifose, alla vigilia dei quarti di finale dei Mondiali più sudamericani che si ricordano, con ben quattro squadre provenienti dall'America Latina.

A fermare la corsa di Uruguay, Brasile, Argentina e Paraguay ci proveranno, nell’ordine, Ghana e Olanda, oggi, Germania e Spagna domani.

E la sfida si sposta anche sulle tribune, dove trova spazio anche un po' di rosa. Frizzanti, rumorosi ma corretti, i tifosi dei mondiali sudafricani sono balzati alle cronache principalmente per motivi di colore: per il suono ammorbante delle immancabili vuvuzelas e per le bellezze che stazionavano sulle tribune. Ne abbiamo selezionate otto, ognuna per una delle formazioni superstiti che si giocheranno l'accesso alle semifinali. Dall'ormai celebre Larissa Riquelme, tifosa del Paraguay, alla bella Sara Carbonero, giornalista spagnola moglie del portiere Iker Casillas; dalle tifose olandesi cacciate dopo la prima sfida perché ritenute "troppo sexy" a Pamela David, che ha regalato uno strip alle telecamere dopo un gol della sua Argentina; poi ancora Menaye Donkor, miss Ghana e compagna di Sulley Muntari a cui avrebbe imposto uno stop al sesso per i Mondiali, fino a Dina Bananinha, che ha promesso uno spogliarello in caso di vittoria del Brasile.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.