5 luglio 2010 - Bar Sport

“Non tifo per la Germania, ma viva la Germania”

L’assessore comunale Ilario Farabegoli conquistato dalla squadra di Loew

Uruguay, Olanda, Germania e Spagna. Sono queste le quattro squadre che si contenderanno la vittoria finale dei Mondiali sudafricani. Una delle favorite è la Germania di Joaquim Loew, capace di rifilare 4 reti a Inghilterra e Argentina nel suo percorso verso le semifinali, che grazie al suo gioco spumeggiante e collettivo, ha conquistato le simpatie di molti, compreso l'assessore comunale Ilario Farabegoli.

“Se c’è una squadra di calcio per la quale non mi è mai venuto spontaneo tifare è proprio la Germania. Le ragioni sono prima di tutto sportive, in quanto la Germania è stata sempre avversaria storica dell’Italia nei momenti cruciali dei più importanti tornei di calcio, mondiali ed europei, ma anche, perché non dirlo, per una ragione ideologica, legata al passato politico di quella nazione. Oggi, vedendo giocare la giovane formazione tedesca si rimane del tutto spiazzati. Non sono i soliti panzer molossoidi per la maggior parte biondi e con le mascelle quadrate e, se non resti concentrato, non ti sembra nemmeno di vedere giocare la Germania: questi ti fanno divertire e sono anche simpatici. Le ragioni sono presto dette, 11 giocatori su 23 non sono di origine tedesca. In questa Germania trovano posto tutti coloro che vogliono aiutare la causa comune, a prescindere. Vi sono ragazzi di origine turca, tunisina, ghanese, brasiliana, e il bello è, che giocando in quella squadra, si sentono tutti più tedeschi che mai. Ma chi se la sarebbe mai aspettata una Germania così? Di fronte ad una così potente messa al bando degli stereotipi c’è come minimo da rimanerne affascinati, e se poi rivolgi lo sguardo in casa tua, e vedi che la tua federazione in risposta alla figuraccia fatta dall’Italia, limita il numero degli extracomunitari nel nostro campionato, ti rendi conto di quanto siano deboli i neuroni di coloro che sono chiamati a ripensare il calcio, e la politica nel nostro paese, a fronte di una società che sta cambiando radicalmente. Io non tifo Germania, ma la Germania multietnica del mondiale Sud africano è sicuramente una speranza per il calcio ed un esempio per il mondo intero”.

Ilario Farabegoli
Assessore all'Immigrazione del Comune di Ravenna

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.