12 novembre 2009 - Cervia, Economia & Lavoro

Fondi di sostegno per chi ha perso il lavoro

La domanda si potrà presentare da lunedì prossimo. Per assistenza, rivolgersi ai sindacati

Dal lunedì prossimo al 29 gennaio 2010 si potranno presentare le domande per accedere al Fondo di sostegno per nuclei familiari e singoli che perdono il lavoro.

Le domande dovranno essere redatte su apposita modulistica disponibile presso il servizio Cervia Informa e le sedi dei sindacati e scaricabile dal sito www.comunecervia.it. Per l´assistenza alla compilazione del modulo relativo alle richieste di contributo è possibile rivolgersi ai CAF dei Sindacati sottoindicati:

CGIL (P.za Ospedale 1 - 0544-973350)

CISL (V. Ospedale, 8 - 0544-973258)

UIL (P.za Resistenza, 2 0544-71578)

Potranno beneficiare del fondo tutti i lavoratori (dipendenti, atipici, parasubordinati, con contratti di collaborazione, a progetto, precari) che, nel periodo compreso fra il 01/01/2009 e il 31/12/2009, siano stati colpiti dalla crisi economica, con conseguente perdita del posto di lavoro, sospensioni, riduzioni orario, C.I.G. o attivazione di altri ammortizzatori sociali o cui non sia stato rinnovato il contratto stesso, nel periodo dal 01/01/2009 al 31/12/2009, a causa di crisi aziendale. Altri due requisiti richiesti: essere residenti nel Comune di Cervia e possedere un ISEE del nucleo familiare riferito all´anno 2008 non superiore a € 25.000. Sono esclusi dai benefici previsti dal fondo in oggetto i lavoratori autonomi, i lavoratori stagionali e il personale della pubblica amministrazione.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.