13 settembre 2009 - Cervia, Agenda

La medicina dà spettacolo

A Cervia il "Festival dell'Apparato Digerente": un nuovo "format" che unisce l'alta divulgazione scientifica agli eventi

È stato presentato in Municipio il programma della prima edizione del “Festival dell’Apparato Digerente”, evento di richiamo nazionale che si svolgerà sabato 19 e domenica 20 settembre a Cervia e che vedrà la partecipazione di professionisti di valore internazionale nei rispettivi campi di ricerca.

Erano presenti il professor Michele Caselli della Scuola di gastroenterologia dell’Università di Ferrara, il professor Vittorio Alvisi, direttore della stessa scuola, la signora Laura Sottili, conduttrice televisiva; l’assessore del Comune di Cervia Fabiola Gardelli, rappresentanti del mondo della scuola e dell’associazionismo cervese, l’Agenzia Promo Leader Service Congressi di Firenze che organizza l’evento.

Il “Festival dell’Apparato Digerente”, rileva il Comune, è un avvenimento d’eccezione e primo, ad oggi, di un nuovo “format” di congressi medici in grado di coinvolgere associazioni di malati, scuole e popolazione generale a diretto contatto con i medici in un clima di massima interattività.
Questo convegno scientifico metterà a fuoco tematiche sanitarie di altissimo interesse clinico e sociale: incontri con gli esperti, letture, momenti di spettacolo, premi e borse di studio in un’atmosfera di simbiosi con la manifestazione eno-gastronomica “I Sapori d’Europa – Mercato Europeo del Cibo”.

Il “format”,  che nasce dall’incontro tra il professor Michele Caselli della scuola di specializzazione di Gastroenterologia dell’Università di Ferrara, ricercatore in vari campi della gastoenterologia, detentore di alcuni brevetti farmaceutici  e Vincenzo Iannuzzo consulente e direttore artistico di numerosi eventi culturali di successo, lancia l'idea per un avvenimento scientifico-divulgativo di medicina con caratteristiche assolutamente innovative, interamente dedicato alle tematiche dell’apparato digerente attraverso una panoramica di totale “apertura” che intende evolversi attraverso la riproposizione annuale dell’evento.

All’evento parteciperanno, tra gli altri, il professor Alessio Fasano, direttore di Pediatria all’Università di Baltimora e detentore del brevetto per il primo farmaco “speranza” destinato ai celiaci per potersi nutrire di cibi contenente glutine, i professori Antonio e Giovanni Gasbarrini, cattedratici dell’Università Cattolica ed esperti rispettivamente di probiotici, allergie ed intolleranze alimentari, i professori Vincenzo Stanghellini e Massimo Campieri, cattedratici “dell’Alma Mater” di Bologna e massimi esperti a livello nazionale ed internazionale rispettivamente di malattie da riflusso gastro-esofageo e di malattie infiammatorie croniche intestinali ed i professori Franco Bazzoli e Dino Vaira, sempre dell’Università di Bologna, tra i maggiori studiosi d’importanza nazionale e mondiale di patologie gastriche ed Helicobacter Pylori.

Un ampio spazio sarà dedicato alle tematiche dell’alimentazione e della nutrizione, anche in relazione a particolari condizioni d’interesse sociale quali l’obesità e l’anoressia riservando anche particolare attenzione a sport e nutrizione. I presidenti del congresso  saranno: il professor Vittorio Alvisi Direttore della Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia dell’Università di Ferrara ed il professor Tino Casetti Primario di Gastroenterologia all’Ospedale S. Maria delle Croci di Ravenna.

Durante la conferenza stampa di questa mattina, il professor Caselli ha sottolineato “l’importanza di ricostruire un rapporto medico-paziente anche all’interno di format congressuali costruiti ad hoc ed il ruolo prioritario che l’informazione medica dovrebbe avere nel generare entusiasmo degli alunni delle scuole tale da influenzare le scelte della vita professionale”. Il professor Alvisi sottolineava “l’importanza dell’informazione sul tema dell’alimentazione, che deve venire da fonti accreditate e relative al mondo medico e non da fonti improvvisate e superficiali appartenenti al mondo dell’informazione, peraltro spesso influenzate da interessi di parte”. Da parte sua, l’assessore Gardelli ha evidenziato l’interesse dell’Amministrazione comunale a sostenere questo evento “innovativo, che tra le altre cose si propone di avvicinare il pubblico e divulgare le giuste conoscenze in tema di salute. L’auspicio è che il festival della prossima settimana sia il primo appuntamento di un percorso formativo che si sviluppi a cadenza annuale”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.