28 ottobre 2014 - Cervia, Cronaca

Dalla Germania a Cervia per conoscere la terra dei loro nonni

Sono ventisei i ragazzi tedeschi ospiti nella cittadina romagnola fino al 31 ottobre

Sono ventisei i ragazzi tedeschi, figli di emigrati italiani, che si trovano a Cervia per respirare il clima scolastico italiano. Si tratta di alunni di scuole tedesche in età tra i 12 e i 15 anni che, durante le loro “Herbstferien” (Vacanze autunnali scolastiche) vogliono conoscere la realtà della scuola media italiana per approfondire le loro conoscenze linguistiche e culturali del paese dei loro nonni.

Ieri mattina nell’aula magna degli Istituti comprensivi (ex scuola media Ressi Gervasi) gremita da studenti, l’assessore Gianni Grandu ha portato il saluto dell’amministrazione comunale ai ragazzi che “rappresentano la terza generazione della nostra collettività in terra svevo-badense (Land Baden-Wuerttemberg/Stoccarda) - ha spiegato il Comune – e che per rafforzare l’identità di origine frequentano, già da anni, corsi pomeridiani di Lingua e cultura italiana a margine della scuola locale tedesca”.

 “L’iniziativa, prima nel suo genere – continua l’amministrazione - nasce da un rapporto tra il sindaco di Cervia Luca Coffari e Tony Màzzaro, già giornalista radio televisivo a Stoccarda e responsabile dell’Istituto Ial-Cisl Germania, che il 29 novembre prossimo celebrerà, nella prestigiosa sede della Industrie und Handelskammer(Camera Industria e Commercio) del capoluogo svevo, i suoi 45 anni di servizio scolastico a favore degli italiani in Germania.

Il progetto si inserisce nel quadro dei già saldi rapporti di gemellaggio fra le Municipalità di Cervia ed Aalen (città di provincia del BW). La presenza di questi 26 giovani, che sono accompagnati da tre loro insegnanti, Fabio Domante, Federica Ciacca e Sara Vello-Saller, sono l’espressione più genuina di una crescita dell’Europa che parte dalla realtà dell’apprendimento e dello scambio di esperienze di vita vissuta in chiave bilingue e biculturale”.

Ragazzi ed insegnanti sono ospiti fino a venerdì 31 ottobre dei due Istituti comprensivi cervesi, che si sono resi disponibili ad accoglierli e ad organizzare diverse iniziative e lezioni, finalizzate all’apprendimento della lingua italiana, alla conoscenza del nostro sistema scolastico e delle ricchezze del nostro territorio.

Il fitto programma è costituito da mattinate a scuola e da pomeriggi culturali volti a conoscere il territorio e le realtà produttive e culturali locali.

“E’ un seme – conclude il Comune - da cui potrà germogliare anche un’amicizia tra giovani con biografie diverse ma legate da un’appartenenza comune: Italia, Germania ed Europa”.

Il progetto è finanziato dal Ministero degli Affari Esteri per la Cooperazione Internazionale (MACI).

 

Tag: scuola

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019