7 febbraio 2016 - Cervia, Cronaca

Tentato furto aggravato, arrestato uomo con 16 "alias"

Intervento dei Carabinieri di Cervia Milano-Marittima

Alle prime ore del 6 febbraio, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cervia – Milano Marittima hanno arrestato in flagranza per il reato di tentato furto aggravato, un 57enne bosniaco, senza fissa dimora, nullafacente, pluripregiudicato.

Come spiega l'Arma in una nota, le pattuglie, intervenute su segnalazione della guardia particolare giurata che aveva rilevato l’effrazione della recinzione e la rottura di una finestra, circondavano il complesso residenziale a Milano Marittima, proprio all’inizio di viale Matteotti. Dopo avere vanamente tentato di entrare dalla porta di ingresso (che era stata sprangata dall’interno) gli uomini della “gazzella” entravano dalla finestra forzata, sorprendendo il ladro, che aveva evidentemente compreso di non potere più fuggire, nascosto dietro una porta.

Una volta in caserma, dopo le operazioni di foto-segnalamento, si scopriva che l’uomo era già censito in banca dati con ben 16 differenti alias e che dal 2010 aveva collezionato numerosi provvedimenti di espulsione dal territorio dello Stato Italiano emessi dalle competenti autorità delle Province di Ravenna, Grosseto, Genova, Imperia e Pesaro Urbino.

L’arrestato è comparso innanzi al Giudice del Tribunale di Ravenna che lo ha condannato a mesi 4 di reclusione ed al pagamento delle spese processuali, con applicazione del divieto di dimora nella Provincia di Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.