22 febbraio 2016 - Cervia, Eventi

Cardo di Cervia, quando il gusto nasce dalla sabbia

Un prodotto dall'inconfondibile dolcezza che si gusta solo in inverno

Un nuovo prodotto si affianca alle eccellenze gastronomiche cervesi: il cardo di Cervia.
La presentazione è avvenuta alla presenza dell’assessore allo sviluppo economico di Cervia Rossella Fabbri e degli operatori della ristorazione che hanno aderito al “Circuito Gastronomico del Cardo di Cervia”: cinque ristoranti di Cervia che stanno proponendo per il mese di febbraio menu a serate a tema che hanno per protagonista questo particolare ortaggio.
“Le eccellenze enogastronomiche rappresentano un valore fondante per il territorio - ha sottolineato l’assessore Fabbri - e spero che il cardo di Cervia costituisca un esempio anche per le altre nostre tipicità come i frutti di pineta o la salicornia, perché possano emergere ed essere fruibili per il pubblico”.
Il cardo di Cervia fa parte dei prodotti della tradizione agricola cervese, che riserva agli ortaggi di sabbia un posto speciale. L’azienda agricola Fiori, che oggi si dedica completamente alla produzione di questo ortaggio, tramanda dal 1931 un procedimento di coltivazione “a regola d’arte” che consente al cardo “gobbo” di esprimere tutta la sua bontà. Infatti il Cardo di Cervia è unico, perché giunge a maturazione interrato sotto la sabbia marina. Solo così perde il retrogusto amarognolo del cardo comune ed acquista la sua inconfondibile dolcezza. Nessuna macchina interviene nel processo di lavorazione, solo mani sapienti e la cura di ogni dettaglio dalla preparazione del terreno, alla semina, alla legatura, all’interramento e alla preparazione del prodotto finito per la tavola.
Da qualche settimana il cardo di Cervia è salito alla ribalta, diventando protagonista di tanti menu nei ristoranti della zona, e addirittura ambasciatore di un’alimentazione gustosa e salutare, figurando come gadget per i partecipanti a una camminata nordica nella pineta di Pinarella.
Il cardo di Cervia è un cibo per cultori perché viene prodotto in piccole quantità e si gusta solo durante l’inverno. Si può acquistare soltanto nella zona di produzione e nei mercati limitrofi, verificandone l’unicità rispetto agli altri cardi in commercio, in particolare quelli sbiancati artificialmente e ricoperti. Per riconoscere l’eccellenza del cardo di Cervia la prova è: assaggiarlo crudo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti recenti