22 agosto 2019 - Cervia, Cronaca

Cervia e il restauro dell'antica mappa

Realizzata dal Canonico Pietro Senni nel XVIII secolo

L'importante documento della storia cervese, conservato nell'Archivio storico comunale, tornerà all’antico splendore grazie all'Associazione "Gruppo Culturale Civiltà Salinara" che ne finanzia il restauro, affidato al laboratorio di Formula Servizi per la Cultura.

Si tratta, è spiegato in una nota, della mappa di Cervia Vecchia, del Canonico Pietro Senni, vissuto nel XVIII secolo e morto nel 1801 all’età di 86 anni. Il documento è un disegno in inchiostro acquerellato su tela di 100 cm di base per 105 cm di altezza. E' stata realizzata nel 1773 sulla base delle informazioni lasciate al Senni dal canonico Francesco Orlando Prondini ( santolo del Senni vissuto dal 1669 al 1742). La mappa attualmente è presso l'Archivio Storico Comunale ed è da tempo in precarie condizioni di conservazione. Una volta restaurata tornerà all'archivio storico mentre una riproduzione a grandezza naturale sarà esposta al pubblico. Il Senni è conosciuto oltre che per la mappa, anche per l'elenco degli abitanti di Cervia vecchia, inserito da Ferdinando Forlivesi nella storia di Cervia pubblicata nel 1889.

In programma c'è anche la trascrizione del manoscritto del Senni intitolato “Alcune notizie della città di Cervia vecchia e nuova raccolte ed offerte agli Ill.mi Signori Capitolari l’anno 1778”, una copia del quale, risalente al 1871, è conservata presso il Museo del Sale. Il volume proviene dalla biblioteca di Carlo Saporetti ed è stato donato a MUSA, museo del sale, dal nipote Massimo Previato.

La riconsegna del documento restaurato è prevista per settembre.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.