3 giugno 2014 - Faenza

Il sindaco di Faenza: “Chiederò lo stato di calamità”

Agricoltura in ginocchio, danni per milioni di euro

A due giorni di distanza dall’alluvione che ha devastato il faentino, suonano inquietanti i “numeri” che l’evento ha fatto registrare: ”Per lo straordinario fenomeno atmosferico, che ha colpito in particolar modo le zone le zone di Celle, San Cristoforo, Pideura ed Errano -  ha spiegato il sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi - risultano 56 le abitazioni colpite ed invase da acqua e fango. In ginocchio l’agricoltura della zona, in particolare la frutticoltura (albicocche, ciliegie, pesche, vite e kiwi), l’orticoltura e alcuni allevamenti di bestiame, con danni per milioni di euro, la cui precisa entità sarà meglio quantificata nei prossimi giorni attraverso il confronto con le diverse organizzazioni di categoria.

 

La cronaca registra inoltre 36 autovetture danneggiate, oltre a 4 camion, 2 camper e diversi motocicli in gran parte trascianti via dalla corrente d’acqua e purtroppo da rottamare. Danni attorno ai 500 mila euro sono stati invece stimati per il ripristino della strada provinciale Brisighellese e della viabilità secondaria”.

 

Questa situazione ha portato il sindaco Malpezzi a richiedere un incontro urgente con la Regione Emilia-Romagna – incontro che si svolgerà nella mattinata di domani, mercoledì 4 giugno –, nel corso del quale verrà avanzata la richiesta di concessione dello stato di calamità naturale per le zone colpite, e concordate le azioni per le richieste di risarcimento danni e agevolazioni.

 

“Colgo l’occasione – sottolinea Malpezzi – per ringraziare pubblicamente il personale del Comune, gli agenti della polizia municipale, gli operatori e i volontari della protezione civile e quelli della sezione alpini in congedo, i tecnici della Regione Emilia-Romagna, i vigili del fuoco, gli operatori di Sfera, Hera e Faenza spurghi, immeditamente attivi e presenti, per l’impegno profuso in soccorso delle persone e delle case colpite dall’alluvione, la messa in sicurezza delle zone insieme ai primi interventi di ripristino della viabilità.”

 

“In particolare – aggiunge il sindaco manfredo – desidero sottolineare la grande prova di tenacia e pazienza dei cittadini direttamente coinvolti dall’alluvione che non si sono fatti scoraggiare dagli eventi e dai danni subiti, rimboccandosi fin da subito le maniche con grande coraggio”. “Vorrei infine ringraziare i tanti singoli cittadini che hanno prestato spontaneamente il loro aiuto e la loro solidarietà – conclude Giovanni Malpezzi –, e i ristoratori de La Tana del lupo, e del Chicchirichì, che hanno offerto gratuitamente pasti caldi. ”

 

L’Amministrazione comunale, anche attraverso i propri servizi, terrà costantemente monitorata la situazione e le opere di ripristino delle zone colpite, che già fin dalla mattinata di oggi apparivano tornate alla quasi normalità.

 

 

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019