23 febbraio 2010 - Faenza, Cronaca

Albanese latitante arrestato a Faenza

Il 26enne, catturato dalla Polizia a casa della sorella, era evaso dai domiciliari lo scorso giugno

Nella mattinata di ieri il personale della squadra anticrimine del Commissariato di Polizia di Faenza, a conclusione di una complessa attività investigativa, ha arrestato C.F., cittadino albanese di 26 anni senza fissa dimora, pregiudicato e irreperibile da otto mesi per evasione dagli arresti domiciliari da Riolo Terme.
 

L’uomo è stato catturato mentre si rifugiava presso l’abitazione della sorella, dove erano appostati i militari una volta raccolti i sufficienti indizi. La casa, in pieno centro storico a Faenza, ha reso più difficile l’attività di osservazione, in quanto la strada di accesso all’immobile era completamente visibile dalle finestre dell’appartamento.
Nella fase conclusiva della cattura sono state anche utilizzate le immagini fornite dal sistema di video-sorveglianza del Centro di Faenza.

Circoscritta la zona dell’intervento, i militari sono intervenuti quando la sorella si è fermata sulla strada, intrufolandosi nell’appartamento senza che l’albanese potesse aver tempo e modo di fuggire.

L’albanese era irreperibile dal 25 giugno 2009, evaso dagli arresti domiciliari cui era stato condannato per tre anni dal G.I.P. del Tribunale di Bologna per spaccio di sostanza stupefacente.

In precedenza l’arrestato era stato coinvolto nei fatti di sangue del settembre 2003 a Castel Bolognese, quando due fazioni albanesi rivali sono stati protagonisti di un conflitto a fuoco. A C.F., è stata notificata l’ordinanza della Corte d’Appello di Bologna del luglio 2009 che ha disposto la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con la custodia cautelare in carcere, ed è stato contestato anche il possesso e l’utilizzo di documenti d’identità falsi (carta d’identità e patente rumena).

Una volta avvertito dell’arresto il P.M. di turno, la dottoressa Monica Gargiulo, C. F. è stato condotto nel carcere a Ravenna a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti recenti