28 settembre 2009 - Faenza, Cultura

A Castel Bolognese la mostra “Sulla via di Damasco”

Esposizione dedicata alla conversione di San Paolo

Da sabato 26 settembre è aperta a Castel Bolognese, nella chiesa di San Francesco, in via Emilia interna, la mostra "Sulla via di Damasco", che ripercorre attraverso le immagini il cammino di San Paolo. Nella serata di martedì 29 settembre, invece, si terrà alle 21 l’incontro di presentazione alla città, sempre nella chiesa di San Francesco.

Interverranno mons. Gian Luigi Dall’Osso, arciprete di San Petronio, Eugenio Dal Pane, direttore editoriale di Itaca, ideatore e coordinatore della mostra, e don Pier Paolo Pasini, sacerdote della Diocesi di Imola. L’esposizione, promossa dal Servizio nazionale per il progetto culturale della Chiesa Italiana e da Itaca, società editrice e di promozione culturale, che resterà aperta fino al 7 ottobre 2009.
 

L’iniziativa è organizzata dalla Parrocchia San Petronio, in collaborazione con l’editrice Itaca e col patrocinio del Comune di Castel Bolognese, per celebrare i duemila anni dalla nascita di San Paolo, “una delle figure che più hanno segnato la cultura e la civiltà occidentale, di cui la mostra presenta la vita e l’insegnamento”.
 

L'Anno Paolino, indetto da Benedetto XVI e conclusosi il 28 giugno scorso, ha aperto la strada alla riscoperta dell'Apostolo delle Genti, rendendo evidente, come affermato dal Santo Padre, che “essere in cammino insieme con Paolo, con lui e grazie a lui venir a conoscenza di Gesù e, come lui, essere illuminati e trasformati dal Vangelo questo farà sempre parte dell'esistenza cristiana”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.