11 giugno 2015 - Faenza, Politica

Elezioni Faenza, Maroni: “Niente clandestini con Padovani”. Rontini: “Quale coerenza?”

Il botta e risposta tra il presidente della Regione Lombardia e la consigliera regionale del PD

“Caro Gabriele, sono sicuro che i faentini sapranno scegliere per il meglio e affideranno la loro città a te, ad un Sindaco concreto e pragmatico, che sarà in grado di dare risposte vere ai cittadini in un momento così difficile”, esordisce così il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, in una sua lettera a Gabriele Padovani, candidato della Lega Nord, che sfiderà domenica prossima al ballottaggio Giovanni Malpezzi per la poltrona da primo cittadino di Faenza.

 

Maroni, che avrebbe voluto esser presente in questi giorni a Faenza, ma che è stato bloccato da impegni istituzionali, ha colto l'occasione per ricordare a Padovani l'impegno sul contrasto alla clandestinità e all'illegalità.

 

"Sono certo che con un Sindaco leghista a Faenza non arriveranno i clandestini maldestramente inviati dal Governo" scrive Maroni "E proprio su questo punto ti invito, una volta che avrai assunto le tue funzioni e si sarà insediata la tua giunta, a tenere duro. Perché la risposta a questo problema complesso non è certo quella che ci vogliono imporre da Roma, ovvero porte aperte a chiunque arrivi qui, senza controlli. La soluzione è un’altra: bisogna bloccare i flussi, attraverso il blocco delle partenze dalle coste africane, attraverso il coinvolgimento dell'Ue, dell'Onu e di tutta la comunità internazionale, e non far arrivare da noi quelli che non sono profughi, ma clandestini. Invece il Governo non solo li fa entrare ma addirittura li va a prendere a 10 miglia dalle coste libiche e, una volta arrivati, li manda in giro per i nostri territori attraverso le Prefetture. Per questo - conclude Maroni - io ho detto che non ci sto, che non va bene e ho invitato i Sindaci a non accettarne più. E per questo c’è bisogno di Sindaci di buon senso, carattere e idee chiare, Sindaci che stiano dalle parte dei cittadini, come sono certo sarai tu".

 

Non si è fatta attendere la risposta di Manuela Rontini, consigliera regionale PD dell'Emilia-Romagna che scrive: “Con quale credibilità e, soprattutto, con quale coerenza, a 3 giorni dal voto per il ballottaggio, Roberto Maroni scrive che ‘con un Sindaco leghista a Faenza non arriveranno clandestini’? Ha forse dimenticato le sue responsabilità?

Ha forse dimenticato che la legge (n. 189 del 30 luglio 2002, cosiddetta Bossi-Fini) che, ancora oggi, disciplina l'immigrazione nel nostro Paese porta il cognome di due ministri del governo Berlusconi, che ha costruito lui il sistema delle quote e che si è sempre inventato lui, quando era al ministero dell'Interno, le modalità di distribuzione dei profughi sui territori?

Insomma, un Maroni che auspica che vengano disattese le regole che lui stesso aveva approvato e chiesto di applicare.

Siamo convinti che i cittadini di Faenza – continua Rontini - non si faranno ingannare da chi sfrutta una situazione di emergenza umanitaria per fare una sparata demagogica, agitando strumentalmente le questioni, invece di provare a risolverle.

Noi del Partito democratico siamo per la legalità e per il rispetto delle regole. Sempre, non a corrente alternata, a seconda dell'opportunità politica”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017