18 giugno 2015 - Faenza, Cronaca

Faenza, i lavoratori della Cisa in agitazione: si temono decine di licenziamenti

Il sit-in di protesta, ieri, dopo l’annuncio da parte dell’azienda di un piano di ristrutturazione

Circa cento operai si sono ritrovati in piazza Nenni, nel pomeriggio di ieri, per protestare dopo la notizia shock arrivata dalla Cisa, marchio storico delle serrature in Italia con sede principale a Faenza. L'azienda, oggi di proprietà della multinazionale statunitense Allegion, ha annunciato un Piano di ristrutturazione che agita i fantasmi di decine e decine di possibili licenziamenti. La notizia è stata data nella mattina di ieri durante un'assemblea tra gli operai e le rappresentanze sindacali. Durante l’incontro sarebbe emerso che l'azienda, senza alcun preavviso ai sindacati, ha chiesto un tavolo per presentare il Piano di ristrutturazione con il Ministero del lavoro, martedì 23 giugno. Fino ad allora tutti i lavoratori resteranno  con il fiato sospeso. In piazza Nenni, prima del composto sit-in degli operai, si sono fermati brevemente il presidente della Provincia Claudio Casadio e il sindaco Giovanni Malpezzi.

 

Tag: protesta

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.