16 novembre 2015 - Faenza, Cronaca

Al Masini di Faenza arriva Franco Branciaroli con Enrico IV

Il capolavoro di Pirandello andrà in scena da martedì 17 a giovedì 19 novembre

Dopo i successi ottenuti con Servo di scena, Il Teatrante e Don Chisciotte, continua l’indagine di Franco Branciaroli sui grandi personaggi del teatro portando sulla scena l’Enrico IV, dramma in 3 atti di Luigi Pirandello, scritto nel 1921 e rappresentato per la prima volta il 24 febbraio 1922 al Teatro Manzoni di Milano. Lo spettacolo, diretto dallo stesso attore ed interpretato con Viola Pornaro, Valentina Violo, Tommaso Cardarelli, Giorgio Lanza, Antonio Zanoletti, Sebastiano Bottari, Mattia Sartoni, Andrea Carabelli e Giovanni Battista Storti, andrà in scena al Teatro Masini di Faenza da martedì 17 a giovedì 19 novembre alle ore 21.

 

Franco Branciaroli e tutti gli interpreti della compagnia saranno inoltre protagonisti del secondo “Incontro con gli Artisti” della nuova Stagione del Teatro Masini che si terrà mercoledì 18 novembre alle ore 18 presso il Ridotto del Teatro Masini (l’ingresso all’incontro è gratuito).

 

Considerato il capolavoro teatrale di Pirandello insieme a Sei personaggi in cerca di autore, Enrico IV è uno studio sul significato della pazzia e sul tema, caro all’autore, del rapporto, complesso e alla fine inestricabile, tra personaggio e uomo, finzione e verità.

In una lettera che Pirandello scrive a Ruggero Ruggeri, uno degli attori più noti dell’epoca, il drammaturgo agrigentino, dopo avergli raccontato la trama, conclude dicendogli che vede in lui il solo attore in grado d’interpretare e dare corpo e anima al ruolo del titolo.

Scrive infatti: “circa vent’anni addietro, alcuni giovani signori e signore dell’aristocrazia pensarono di fare per loro diletto, in tempo di carnevale, una ‘cavalcata in costume’ in una villa patrizia: ciascuno di quei signori s’era scelto un personaggio storico, re o principe, da figurare con la sua dama accanto, regina o principessa, sul cavallo bardato secondo i costumi dell’epoca. Uno di questi signori s’era scelto il personaggio di Enrico IV, e per rappresentarlo il meglio possibile, s’era dato la pena e il tormento d’uno studio intensissimo, minuzioso e preciso, che lo aveva ossessionato per circa un mese. Senza falsa modestia, l’argomento mi pare degno di Lei e della potenza della Sua arte”.

Il personaggio di Enrico IV, del quale magistralmente non ci viene mai svelato il vero nome, quasi a fissarlo nella sua identità fittizia, è descritto minuziosamente da Pirandello. Enrico è vittima non solo della follia, prima vera poi cosciente, ma dell’impossibilità di adeguarsi ad una realtà che non gli si confà più, stritolato nel modo di intendere la vita di chi gli sta intorno e sceglie quindi di “interpretare” il ruolo fisso del pazzo.

 

Biglietti: da 12 a 23 € + ddp. Prevendite da martedì 17 novembre dalle ore 10 alle ore 13 presso la Biglietteria del Teatro Masini. Nelle sere di spettacolo la Biglietteria aprirà alle ore 20.

Prenotazioni tel. (0546/21306) tutti i giorni feriali dalle ore 10 alle ore 13.

Prevendite online su vivaticket.it.

Info: 0546/21306 - www.accademiaperduta.it – Facebook: teatromasini - accademiaperduta

Si ricorda che Abbonamenti e Biglietti della Stagione 2015/16 del Teatro Masini daranno la possibilità di visitare il MIC – Museo Internazionale delle Ceramiche al prezzo di ingresso di soli 3 euro (per informazioni su giorni e orari di apertura del Museo: www.micfaenza.org)

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.