13 febbraio 2016 - Brisighella, Faenza, Cronaca

Apicoltore abusivo e arnie rubate: una denuncia per ricettazione

Il valore delle attrezzature ammonta a circa 20mila euro, il primo furto ai danni di apicoltori nel 2006

I Carabinieri di Brisighella hanno portato a termine un'indagine particolare: ha consentito di ritrovare nelle pertinenze dell’abitazione di un 64enne del luogo ben 65 arnie in legno, le tipiche “casette” dove le api trovano riparo e che sono utilizzati dagli apicoltori per la produzione del miele, insieme a numerosi accessori ed attrezzature apistiche. Sono risultate provento, spiega l'Arma in una nota, di una lunga serie di furti commessi a partire dall’anno 2006 ai danni di apicoltori del faentino. La refurtiva recuperata, del valore complessivo di circa € 20000, è stata tutta restituita agli increduli proprietari che ormai avevano perso le speranze di poter ritrovare la loro attrezzatura ma soprattutto di poter rivedere le loro amate api.

I militari dell’Arma di Brisighella quando hanno auto notizia del fenomeno predatorio che stava procurando non solo malumori ma anche un ingente danno economico agli apicoltori della zona (basti pensare che un’arnia arriva ad avere un costo compreso fra i 250 e i 300 euro a cui va aggiunto il valore del miele prodotto), hanno dato inizio ad un’indagine e soprattutto hanno cominciato a raccogliere notizie in giro per capire la portata di quei furti.

 

Grazie alle informazioni raccolte, sono stati approfonditi gli accertamenti ed gli uomini dell'Arma hanno localizzato un podere in località “Bicocca”  di Brisighella, dove c'era un allevamento di api composto da 26 arnie, per la maggior parte dipinte di verde. Effettuati ulteriori accertamenti con la collaborazione di personale del Corpo Forestale della locale stazione, i Carabinieri appuravano che c'era alcuna comunicazione ufficiale di quell’allevamento di conseguenza veniva interpellato il 64enne proprietario di quell’appezzamento di terreno: riguardo il possesso di quelle arnie ha reso dichiarazioni contraddittorie. La sua versione non ha assolutamente convinto gli uomini dell’Arma che hanno dato luogo ad una meticolosa perquisizione. L’attività di ricerca ha portato alla scoperta di altre arnie nell’oliveto adiacente l’abitazione del 64enne, alcune sono state trovate in una zona boschiva sempre a ridosso dell’abitazione, altre ancora nel cortile, per un totale di 65 “casette”.

Ritrovati anche 45 “melari” (i tipici telai in legno atti alla raccolta del miele) insieme a varia attrezzatura apistica. Sul posto c’erano anche alcuni barattoli di venice di colore verde utilizzata per “ridipingere” e quindi modificare il colore originale delle singole arnie. Al 64enne è stata contestata l’ipotesi di reato di “ricettazione” dopodichè i Carabinieri di Brisighella hanno sequstrato tutte le arnie ed il restante materiale apistico che veniva trasferito presso la caserma del luogo, grazie alla collaborazione di alcuni apicoltori che hanno messo a disposizione i loro mezzi.

 

A quel punto i militari dell’Arma hanno dato inizio ad una scrupolosa attività di verifica sul numero matricolare impresso su ciascuna “casetta”, che ha consentito di risalire a tutti i proprietari, i quali subito convocati in caserma hanno confermato il furto delle arnie riconoscendole nonostante totalmente riverniciate. Su alcune arnie addirittura vi era ancora impresso, in un punto nascosto, il nome e cognome del proprietario apicoltore. Massima attenzione è stata prestata alle “colonie” di api trovate nelle arnie sequestrate, infatti alcune erano ormai spossate dall’incauto trattamento pertanto sono state affidate alle “cure” di apicoltori esperti appartenenti all’Associazione romagnola apicoltori di Bagnacavallo. L’indagine, continua l'Arma, ha consentito di risalire addirittura ad un furto commesso dieci anni fa anche se la maggior parte della refurtiva è riconducibile a furti commessi in più riprese fra il 2010 ed il 2015. A questi si aggiungono gli episodi più recenti risalenti al mese di gennaio di quest’anno. Oltre alla denuncia alla procura della Repubblica di Ravenna, i carabinieri hanno segnalato l’episodio all’ Ausl di Ravenna, infatti il 64enne dovrà rispondere di pesanti sanzioni amministrative per l’abusiva gestione di un allevamento apistico.

Il fenomeno dei furti di arnie e degli sciami destinati al mercato nero ha una portata nazionale, concludono i Carabinieri, perché è un fenomeno segnalato continuamente in diverse regioni italiane dalle associazioni di categoria che purtroppo contano numerose sottrazioni indebite di alveari, non a caso esattamente un anno fa, alcuni quotidiani nazionali ne avevano dato ampio risalto sulle loro pagine.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.