1 luglio 2010 - Faenza, Cronaca

Disagi sulla Rimini-Bologna, incontro con la Regione

I sindaci di Cesena, Faenza e Forlì a colloquio con Peri

Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi, quello di Faenza Giovanni Malpezzi, il vice sindaco di Forlì Giancarlo Biserna e l'assessore alla mobilità del Comune di Rimini Juri Magrini, hanno incontrato ieri l'assessore regionale alla mobilità e ai trasporti Alfredo Peri, comunica l'Amministrazione comunale di Faenza.  

Gli amministratori, dopo altre iniziative di sensibilizzazione, hanno inoltrato ancora una volta le istanze dei pendolari, studenti e lavoratori, che ogni giorno viaggiando sulla tratta Rimini-Bologna, "subiscono il malfunzionamento delle carrozze, lamentano la soppressione dell'eurostarcity del primo mattino (direzione Bologna), l'inadeguato numero di carrozze per i treni regionali e la soppressione di alcune fermate intermedie".

"I rappresentanti dei quattro Comuni manifestano apprezzamento per lo sforzo della Regione Emilia-Romagna che assicura, in accordo con Trenitalia, la dotazione di un maggiore numero di carrozze per i treni regionali della tratta Rimini-Bologna, anche grazie all'investimento regionale stanziato per le necessarie manutenzioni e ristrutturazioni.

I sindaci invieranno a breve una richiesta ufficiale congiunta di incontro a Mauro Moretti, amministratore delegato di Ferrovie dello Stato S.p.A, e Vincenzo Soprano, amministratore delegato di Trenitalia, per chiedere di ripristinare il treno e le fermate soppresse, in modo da consentire ai pendolari di raggiungere le sedi di studio e lavoro in tempi idonei e favorire una distribuzione del carico passeggeri più rispondente agli effettivi bisogni dei cittadini".

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.