25 maggio 2018 - Faenza, Cronaca

Si scambiano l’identità per la prova di italiano, scoperti e denunciati

A Faenza

Nei giorni scorsi, presso le scuole medie “Strocchi” che si trovano a Faenza nel quartiere Borgo Urbecco, si è svolta una sessione di esami di lingua italiana riservata ai cittadini stranieri che hanno presentato istanza per ottenere il permesso di soggiorno a lunga scadenza. Fra i vari candidati, si è presentato davanti alla commissione esaminatrice un 29enne originario del Ghana, che ha esibito il suo documento d’identità per essere ammesso alla prova. Il funzionario della Prefettura incaricato delle operazioni preliminari, quando ha visto la fotografia presente sul documento esibito dal 29enne, ha avuto l’impressione che il candidato fosse molto più giovane rispetto alla foto sulla carta d’identità. Il presidente della commissione d’esame, convinto che qualcosa non quadrasse, ha telefonato al 112 per far intervenire una pattuglia dei carabinieri.

Sul posto è arrivato un equipaggio della stazione carabinieri di Borgo Urbecco. Il 29enne, però, anche davanti alle “divise” ha ripetuto le stesse generalità presenti sul documento. A quel punto, i militari dell’Arma hanno aspettato che il giovane completasse la prova d’esame e poi lo hanno portato presso il laboratorio “spis” per il fotosegnalamento delle persone, che si trova nella caserma di via Giuliano da Maiano, dove lo straniero è stato sottoposto ai rilievi fotografici e dattiloscopici per stabilire la sua identità.

Dal responso del casellario centrale d’identità di Roma è emerso che il nome fornito dal 29enne alla commissione d’esame e poi confermato anche ai carabinieri, non era affatto il suo. Scoperto il raggiro, il giovane non ha avuto altra scelta che “confessare”. Infatti ha riferito ai carabinieri di essersi spacciato per un suo connazionale 35enne che gli aveva chiesto il “favore” di fare l’esame d’italiano al posto suo, visto che le volte precedenti non lo aveva superato.

La carta d’identità è stata quindi sequestrata e i due stranieri sono stati denunciati per “truffa aggravata in concorso” e “sostituzione di persona”, inoltre il 29enne dovrà rispondere anche di “falsa attestazione delle proprie generalità a pubblico ufficiale”.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.