11 gennaio 2019 - Faenza, Cronaca

Targhe straniere per aggirare tasse e multe: un’altra auto sequestrata a Faenza

Secondo la Polizia il trucco è utilizzato spesso e volentieri anche da cittadini italiani

Proseguono, come previsto dal decreto sicurezza del Governo, i sequestri di auto con targa straniera utilizzate da residenti in Italia da oltre 60 giorni. L’ultimo caso è stato registrato a Faenza, dove nel mirino della Polizia Locale è finita una Fiat 500, nuova di zecca e guidata da una ragazza italiana, nata a Forlì nel 1990 e residente a Faenza, ma con targa ungherese e intestata a un parente italiano residente appunto in Ungheria.

Il trucco della targa straniera

La pratica di circolare con targhe straniere, che permette di evadere le tasse sulla proprietà dei veicoli e di non dover pagare le assicurazioni in Italia, oltre che di ignorare le multe non contestate nell’immediatezza, è molto diffusa e, sottolinea la Polizia manfreda, spesso e volentieri viene utilizzata anche da cittadini italiani.

In caso di mancato pagamento delle sanzioni come divieti di sosta e autovelox, la targa straniera rende impossibile riscuotere le somme richieste, generando una sorta d’indennità dalle violazioni del codice della strada. Il fenomeno delle targhe estere circolanti in Italia, ma di fatto intestato a prestanomi residenti all'estero, ha inoltre in molti casi reso difficili anche indagini a seguito di reati, rendendo complicato l'individuazione di persone responsabili di atti criminosi da parte delle forze dell'ordine.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.