25 gennaio 2019 - Faenza, Cronaca

Decreto sicurezza: a Faenza i Carabinieri scovano un altro “furbetto delle targhe estere”

Residente in Italia dal 2015, ma viaggiava ancora sull'auto immatricolata in Polonia

In seguito alla modifica dell'articolo 93 del Codice della Strada inserito nel Decreto Sicurezza, i Carabinieri di Faenza hanno multato e ritirato il libretto di circolazione dell’auto a un altro “furbetto delle targhe estere”, un 61enne polacco, residente in Italia dal 2015, che viaggiava ancora sull'auto immatricolata in Polonia. Il nuovo articolo 93 punisce infatti con il fermo amministrativo del mezzo, chi risiede in Italia da più di 60 giorni e continua a viaggiare su auto immatricolate all'estero.

Mentre percorrevano via Granarolo nei giorni scorsi, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia manfreda hanno notato un'Audi A3 con targa polacca e hanno deciso di fermare il mezzo, procedendo ai controlli di rito. Il 61enne conducente è risultato anche essere proprietario del veicolo e, in virtù del fatto che fosse residente in Italia dal 2015, i militari hanno elevato nei suoi confronti una violazione amministrativa pari a 712 euro (498 euro se pagata entro 5 giorni). Come previsto dal Decreto Sicurezza all’uomo è stato contestualmente ritirato il libretto di circolazione dell'Audi, che dovrà essere sottoposta a immatricolazione in Italia entro sei mesi, pena la confisca del veicolo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi