13 aprile 2019 - Faenza, Cronaca

Pusher ai domiciliari aggredisce i genitori, i Carabinieri lo arrestano di nuovo

Il 37enne marocchino avrebbe perso la testa a causa di una mancata risposta dell’avvocato

È stato nuovamente arrestato dai Carabinieri della Stazione di Granarolo Faentino, un 37enne marocchino, che nella tarda serata di giovedì avrebbe aggredito per futili motivi i genitori, mentre si trovava agli arresti domiciliari per detenzione ai fini di spaccio aggravato continuato.

I fatti

A quanto pare l’uomo avrebbe perso la testa in seguito a una mancata risposta al telefono da parte del suo avvocato. Nonostante la mamma abbia provato a tranquillizzarlo, lui avrebbe iniziato a scagliarsi contro la donna. Il padre, attirato dalle urla della madre, sarebbe subito intervenuto, finendo però vittima a sua volta dell’ira del ragazzo. L’uomo ha riportato lesioni agli stinchi, alla bocca e all’altezza del collo, e solo l’intervento della donna avrebbe impedito al 37enne di strangolarlo.

Appena l’uomo è riuscito a divincolarsi, i due sono andati subito dai Carabinieri di Granarolo Faentino per sporgere denuncia e il pm di turno, Dott. Barberini, ha quindi disposto di trattenerlo presso la camera di sicurezza della Compagnia,in attesa dell’udienza direttissima. Nel pomeriggio di ieri, venerdì 12 aprile, l'arresto è stato convalidato e il Gip ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.