30 maggio 2019 - Faenza, Eventi

“Alba di giugno”: la Romagna dedica un mese intero all’Albana

Per valorizzare e promuovere uno dei vini simbolo di questa terra

“Alba di giugno”

Leggermente posticipato rispetto alle precedenti edizioni, anche in questo 2019 la Romagna dedica un mese intero a uno dei suoi vini simbolo, l’Albana. “Alba di giugno”, infatti, è il titolo dell’iniziativa organizzata dal Consorzio Vini di Romagna, in collaborazione con Enoteca Regionale Emilia Romagna e con associazioni culturali locali, volta a valorizzare e promuovere uno dei vini simbolo di questa terra, fornendo nuovi spunti e nuove possibilità di conoscenza agli eno-appassionati che partecipano ai vari appuntamenti.

Dove e quando

Appuntamenti itineranti che coinvolgeranno alcuni dei borghi più belli della Romagna.

  • Si parte da Faenza il 1 giugno (a Casa Spadoni, dalle 17.30 alle 20),
  • Si prosegue l’8 giugno in piazza della Libertà a Bertinoro nell’ambito dell’evento “Vini e Sapori in Strada” (ore 19-24),
  • Il 16 alla Torre di Oriolo dei Fichi (ore 14.30-18.30),
  • Il 22 alla Terrazza dell’ex Ristorante Gigiolè nell’ambito dell’evento “Brisighella Romantica” (ore 18.30-21),
  • Si conclude il 29 alla Rocca Sforzesca di Dozza, nel cortile interno adiacente all’Enoteca Regionale (ore 15.30-22).

Degustare e votare il proprio vino preferito

In tutte le location sarà presente un banco d’assaggio per dar modo al pubblico di degustare e apprezzare i vini finalisti dell’ “Albana Dèi”, iniziativa annuale giunta alla settima edizione, ideata e curata da Carlo Catani e Andrea Spada. Vini finalisti selezionati “alla cieca” da una giuria tecnica composta da critici delle guide dei vini, tecnici ed esperti enogastronomici, sommelier, commerciali vino, riunitisi a fine maggio. Il responso della giuria tecnica andrà ad assegnare il premio alle migliori Romagna Albana DOCG di tipologia secco; il pubblico sarà invece chiamato ad assaggiare e votare i vini finalisti per eleggere “L’Indigeno del Cuore” – premio Valter Dal Pane e – ove presenti i banchi dei produttori con le nuove Albane locali – a eleggere l’Albana del Borgo nelle versioni secco e passito.

Questi appuntamenti annuali sono l’occasione per il Consorzio Vini di Romagna per fare il punto su quello che è il vitigno indigeno e il vino più identitario della Romagna, nell’intento di diffonderne la cultura affermandone la straordinarietà e il carattere distintivo, nella ricchezza d’interpretazioni dei produttori romagnoli. A rafforzare il messaggio, al banco dei vini finalisti da votare, si svolgerà l’iniziativa “A scuola d’etichetta” con un incaricato e specifici flyer a illustrare i plus della DOCG.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019