5 luglio 2019 - Faenza, Politica, Sanità

Il 118 faentino risponde alle polemiche: “Basta falsità sulla sanità ravennate”

Ma il M5S ribadisce ancora: “Basta lo diciamo noi”

Si infiamma la polemica sui mezzi di emergenza del 118 attivi sul territorio faentino. Dopo l’attacco del Movimento 5 Stelle locale, la risposta di Ausl Romagna è durissima: “Basta falsità sulla sanità ravennate”.

La nota di Ausl Romagna

“L’assetto dei mezzi dell’emergenza 118 sul territorio faentino era ed è il seguente – sottolinea l’azienda sanitaria –: 1 automedicalizzata H24 presso la postazione di Faenza, 1 ambulanza  H 24 presso la postazione di Faenza, 1 ambulanza  H 12 presso la postazione di Faenza, 1 ambulanza  H 24 presso la postazione di Riolo Terme, 1 ambulanza H 24 presso la postazione di Russi”

“Questo assetto – ribadisce Ausl nella nota – non è mai variato e rappresenta, integrato a quello del territorio di Ravenna e di Lugo la modalità organizzativa giudicata idonea per rispondere all’emergenza territoriale nell’ambito provinciale. A partire dal 1 luglio, in un’ottica di miglioramento del sistema dinamico 118, legato esclusivamente a logiche interne di maggiore efficienza operativa del servizio, è stato modificato il nome e il codice di identificazione di questi mezzi, in modo che sia maggiormente chiaro agli operatori di Centrale l’esatta individuazione di ogni mezzo di soccorso e i relativi spostamenti sul territorio”.

“Due facili esempi per tutti – conclude poi Ausl Romagna –: l’ambulanza di stanza a Riolo Terme, che prima si chiamava Faenza 33, oggi si chiama Riolo 33; quella che staziona a Russi e precedentemente identificata con il codice di Faenza 34, oggi si chiama Russi 34. La banalità di queste modifiche, di cui anzi ci si scusa con i lettori, dimostra una volta di più l’assoluta strumentalità delle accuse e degli allarmi totalmente ingiustificati in merito alla sanità di questo territorio, sottacendo o mettendo in secondo piano invece i grandi progressi compiuti in questi anni in molti settori, anche grazie alla positiva ‘contaminazione’ reciproca delle diversificate esperienze dei diversi territori della Romagna”.

M5S ancora all’attacco

L’intervento dell’azienda sanitaria non basta però a chiudere la polemica e il M5S faentino torna quindi all’attacco: “Quelle che l'Ausl indica come ‘banali modifiche’ in vigore dal primo luglio 2019 sono in realtà state introdotte, in via sperimentale, da novembre 2018, quando dopo il crollo del ponte sulla chiusa di San Bartolo con conseguente chiusura della SS67 Ravegnana e per mantenere i tempi di risposta di intervento nella norma, è stato deciso di inviare di notte, quando possibile, un'ambulanza di Faenza in postazione a Russi”.

“Dallo scorso primo luglio tutto questo è diventato stabile – spiega il Movimento –: dalle 19:15 circa la Russi 34 si reca a Russi in postazione, la Riolo 33 si reca a Riolo e a Faenza rimane solo la Faenza 35 con l'auto medicalizzata (che non può trasportare pazienti). Quindi parliamo di una sola ambulanza in servizio notturno in una città di quasi 60mila abitanti, senza contare i dintorni. Questa è la realtà, quello che abbiamo scritto corrisponde al vero, rigettiamo al mittente tutte le accuse, nessuna falsità, nessuna strumentalizzazione”.

“Piuttosto – prosegue la nota del M5S – vorremmo chiedere alla dirigenza Ausl e al responsabile del 118 quale sia stato il motivo che li ha spinti a ridurre le ambulanze in servizio notturno a Faenza ad una sola unità, dirottandone in pianta stabile una a Russi, quando il numero di servizi aumenta progressivamente ogni anno, il numero di trasferimenti per ricoveri e consulenze verso Ravenna o altri presidi di II e III livello è in crescita ed invece è stato, GIUSTAMENTE, aumentato di un'ambulanza il servizio a Lugo”.

“Sia chiaro – concludono Massimo Bosi, Andrea Palli e Marilena Mengozzi –, nessuno mette o ha messo in discussione il grande ed ottimo lavoro dei professionisti sanitari sul nostro territorio, anzi cogliamo l'occasione per ringraziarli di cuore, apprezziamo le capacità umane e professionali di ogni singolo operatore”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019