4 novembre 2019 - Faenza, Cronaca

Giovane fuori controllo in centro a Faenza aggredisce i Carabinieri poi tenta di corromperli: arrestato

“Ti do 300 euro per chiudere la faccenda” avrebbe detto il 20enne una volta condotto in caserma

A Faenza una tranquilla mattina è stata turbata da un 20enne marocchino, residente a Gorizia, che girava per le vie del centro a petto nudo dando in escandescenza. Avvisati da alcuni cittadini, i Carabinieri della Compagnia manfreda si sono precipitati sul posto. Il ragazzo, alla vista dei militari, si è introdotto all’interno del cortile di un’abitazione privata scavalcando la recinzione alta circa 2 metri al fine di nascondersi. Vistosi poi scoperto, il 20enne ha tentato la fuga all’interno del cortile cercando di scavalcare, ma, grazie alla pronta reazione di uno dei militari, ha trovato la via sbarrata.

L’altro militare ha scavalcato la cancellata e si è messo davanti al soggetto cercando di instaurare un dialogo, ma il giovane è apparso fuori controllo e, dopo alcuni tentativi di mediazione, ha finto di collaborare, salvo poi aggredire il militare ingaggiando una furibonda colluttazione. Il 20enne ha anche tentato di colpire con un pugno il Carabiniere, facendolo cadere a terra e dandosi quindi alla fuga saltando il cancello.

A quel punto i due Carabinieri sono saliti sulla vettura di servizio e si sono messi all’inseguimento del fuggitivo e alcuni passanti hanno segnalato che il ragazzo si era diretto verso il centro di Faenza. In via IV Novembre il 20enne ha cercato di introdursi nell’abitacolo di una vettura ferma al semaforo rosso, ma ha trovato lo sportello chiuso con sicura. Questa circostanza ha permesso ai militari di avvicinarsi e bloccarlo alle spalle, ma, mentre i Carabinieri cercavano di immobilizzarlo, il giovane ha cominciato a scalciare e a tentare di mulinare le braccia.

Si è nuovamente cercato di mettere in atto una lunga opera di mediazione e convincimento al fine di far entrare il soggetto all’interno della vettura di servizio, ma l’uomo ha continuato ad alternare momenti di calma a momenti di estrema agitazione e tentativi di divincolarsi e fuggire. Sul posto sono intervenuti in sequenza anche un equipaggio Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Lugo e un’altra pattuglia della Stazione Carabinieri di Borgo Urbecco, ma il 20enne ha continuato a tentare di divincolarsi cercando di colpire i militari con dei calci.

Solo all’arrivo degli ultimi rinforzi si è riuscito a posizionare il ragazzo all’interno della vettura di servizio, ma lo stesso, non pago, ha continuato a scalciare in direzione dei militari, impedendo di fatto agli stessi poter chiudere le portiere. Una volta chiuso dentro e steso sul sedile, il giovane ha continuato a colpire con inusitata violenza il vetro della portiera posteriore destra della vettura di servizio.

Una volta giunti presso il Comando, il 20enne non ha smesso di affrontare in maniera aggressiva i militari scalciando in ogni direzione e, interrogato dai Carabinieri, ha fornito loro anche false generalità circa la propria identità. Nel momento in cui il ragazzo ha iniziato a rendersi conto della gravità dei fatti, ha poi provato a corrompere uno dei militari operanti promettendogli la somma di 300 euro per “chiudere la faccenda”.

In seguito al rifiuto categorico del Carabiniere, ha provato a corrompere un altro militare alzando la posta e offrendogli 500 euro se lo avesse fatto fuggire. Nel frattempo, due dei militari coinvolti sono stati accompagnati presso il nosocomio di Faenza riportando: il primo un “trauma policontusivo” con una prognosi di 7 giorni e l’altro una “frattura falange V dito mano destra” con 30 giorni di prognosi.

Sentito il PM di turno i Carabinieri del Norm hanno proceduto all’arresto del 20enne marocchino per resistenza a pubblico ufficiale aggravata, lesioni personali aggravate, false dichiarazioni rese a pubblico ufficiale e istigazione alla corruzione. Il giovane è stato immediatamente condotto presso il carcere di Ravenna in attesa della convalida dell’arresto.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019