25 febbraio 2020 - Faenza, Cronaca

Beccato venditore abusivo in piazza del Popolo

Dalla polizia municipale

Sequestro a Faenza

Maxi sequestro nella centralissima piazza del Popolo a Faenza, dove un commerciante Pakistano si era posizionato al posto di un connazionale titolare del posteggio, cercando di fare il “furbetto” e fingendo di essere l’amico.

Gli uomini del servizio commerciale della municipale, nell'ambito di un servizio finalizzato alla tutela della leale concorrenza ed al rispetto del decoro urbano, hanno però scoperto l’artifizio accertando che il commerciante che esponeva abbigliamento e intimo per donna non era in realtà colui che aveva diritto di occupare il posteggio ma un suo conoscente, autorizzato in modo completamente illegittimo dallo stesso  titolare del posteggio ad occupare la sua piazzola.

La norma prevede che le piazzole rimaste eventualmente libere al mercato, vengano assegnate ai così detti “spuntisti”, ovvero i commercianti titolari di licenza per il commercio intinerante che però non hanno un posto fisso al mercato , in base ad una graduatoria e, non cedute dal titolare assente per amicizia come accaduto in questo caso.

Al furbetto, è stata pertanto sequestrata l’intera bancarella, con tutta la merce e le attrezzature, e al commerciante è stata contestata anche la sanzione amministrativa di euro 5000.

I due pakistani coinvolti nella vicenda, hanno confessato che speravano di farla franca, in quanto non ritenevano gli agenti in servizio al mercato in grado di riconoscerli, appartenendo entrambi alla medesima etnia e coetanei.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.