5 febbraio 2018 - Brisighella, Cronaca

Si perde tra la neve nei boschi: salvato nella notte dal Soccorso alpino

Il giovane di Brisighella ha atteso i soccorsi in un rifugio di fortuna

Intervento di ricerca notturna a Monte Falco e Monte Falterona nella notte del 3 febbraio, spiega in una comunicazione il Soccorso alpino e speleologico dell'Emilia Romagna. L’allarme per un escursionista con le ciaspole è scattato alle 20: si era disorientato durante il percorso, partito alle 10 dalla località Castagno di Andrea (FI)  in direzione Monte Falterona. Il ragazzo, residente a Brisighella,  resosi conto di non riuscire a trovare la giusta direzione per proseguire il cammino, è riuscito a lanciare l’allarme telefonicamente alla sua fidanzata già arrivata al rifugio CAI di Forlì sul Monte Falco, non essendo però in grado di fornire precise indicazioni. Poi i contatti sono cessati a causa della batteria scarica del proprio cellulare. La donna allertava subito i soccorsi  e squadre di tecnici e sanitari dalle limitrofe stazioni del Monte Falterona (SAST -Soccorso Alpino e Speleologico Toscano)  e Monte Falco (SAER - Soccorso Alpino e Speleologico Emilia Romagna) raggiungevano  il luogo. Difficoltose le operazioni di ricerca a causa delle basse temperature, del buio e del manto nevoso di consistenza pesante. Viste le criticità ed il previsto imponente calo termico che avrebbe comportato nelle ore successive temperature percepite di oltre dieci grado sotto lo zero, si era già valutato di  organizzare un sorvolo di ricerca grazie all’ausilio di un velivolo HH139 del 15° Stormo di Cervia dell’Aeronautica Militare con a bordo personale aerosoccorritore AM, Tecnico e medico del SAER, per fortuna non utilizzato grazie al ritrovamento del malcapitato individuato a mezzanotte circa, in buona salute  ad un'altitudine di circa 1500 mt slm dalle sqaudre di sciatori SAER e SAST . Il ragazzo si era riparato costruendosi un rifugio di fortuna tra gli alberi in attesa dei soccorsi. L’uomo è stato riaccompagnato dai suoi amici presso il rifugio CAI alle ore 2.00 circa del 4 febbraio. Sul posto anche i Carabinieri della Stazione di Corniolo (FC).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.