9 dicembre 2010 - Castel Bolognese, Cronaca

Aggrediscono e rapinano due prostitute

Arrestati in flagranza di reato due giovani

Due giovani di 23 e 20 anni - uno, C. F., originario di Caserta e l’altro, E.T.E., marocchino in regola con le norme sul soggiorno - sono stati arrestati in flagranza di reato nella notte di ieri da agenti della Volante del commissariato di Faenza con le accuse di rapina, violenza sessuale e sequestro di persona in concorso ai danni di due prostitute.

Gli agenti sono intervenuti a mezzanotte e quaranta,  a seguito di una segnalazione telefonica pervenuta alla sala operativa del commissariato faentino, a Castel Bolognese, all’angolo tra via Emilia Ponente e via della Resistenza, dove all’interno di una fabbrica alcuni operai avevano soccorso una  ragazza rumena dedita alla prostituzione che aveva chiesto aiuto in quanto poco prima  era stata rapinata.

Il personale della Volante, giunto sul posto, ha parlato con la donna, che ha raccontato di essersi appartata con due ragazzi, uno italiano e uno marocchino, su un’auto di colore grigio, concordando una prestazione sessuale a pagamento assieme a una sua amica italiana. Alla fine del rapporto, consumato in un parcheggio in via della Resistenza di Castel Bolognese, la rumena era stata picchiata e rapinata del portafogli e del cellulare. La ragazza, spaventata da questa violenza, era riuscita a scappare dal veicolo e, scavalcando un cancello, aveva trovato rifugio nel piazzale di una fabbrica da dove aveva chiesto aiuto, preoccupata per la sorte della sua amica rimasta a bordo del veicolo .

L’equipaggio della volante si è recato sul luogo dove era avvenuto il fatto, e ha trovato a terra il portafogli della ragazza con i documenti e i soldi.
Le ricerche degli aggressori sono state allora concentrate in un tratto di via Emilia Ponente, lato Imola, dove infatti è stata intercettata e bloccata l’auto degli aggressori. A bordo del veicolo, condotto dall’italiano, oltre al marocchino  vi era l’altra ragazza.

Nel corso dell’immediata perquisizione personale e del veicolo è stato rinvenuto il cellulare della ragazza rumena, mentre nella tasca dei pantaloni del marocchino veniva trovato un coltello multiuso.
Le  due donne sono state accompagnate al pronto soccorso di Faenza, dove sono state visitate e refertate con prognosi di 10 giorni.
I due uomini sono stati tratti in arresto e una volta espletate le formalità di rito sono stati trasferiti in carcere a Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.