18 gennaio 2018 - Castel Bolognese, Cronaca

Castel Bolognese, cordoglio per la scomparsa di Padre Albino Varotti

Musicista e musicologo di valore internazionale, era cittadino onorario della città castellana dal 2007

Il sindaco Daniele Meluzzi e l’amministrazione comunale di Castel Bolognese partecipano con dolore alla scomparsa di padre Albino Varotti ed esprimono un sincero cordoglio per la perdita di un grande personaggio, protagonista assoluto della scena culturale e musicale mondiale.

Frate dell’Ordine dei Francescani minori conventuali - si legge in una nota stampa - padre Albino Varotti era nato a Volano di Codigoro nel 1925 e dal 2007 era cittadino onorario di Castel Bolognese, dove risiedeva da diversi anni presso la casa protetta "Camerini", accudito con affetto dal personale dell'Asp.

Musicista e musicologo di valore internazionale, è stato titolare di illustri cattedre e incarichi in vari conservatori e cappelle musicali (Firenze, Assisi, Bologna, Faenza). Espertissimo di musica sacra, era uno dei pochi al mondo a conoscere la chiave per tradurre e rendere eseguibili brani di musica gregoriana e medioevale. Nel 2013 ha composto l’Inno di Castel Bolognese.

"Un grande regalo alla città che lo aveva 'ospitato' – commenta il sindaco di Castel Bolognese Daniele Meluzzi – che ci aveva emozionato allora e che ci commuove ancor più oggi, nel giorno della sua scomparsa".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018