23 gennaio 2011 - Solarolo, Cronaca

Solarolo, il Consiglio dei ragazzi compie dieci anni

Cerimonia oggi in Comune

 Si è svolta questa mattina nella Sala Consiliare del Comune di Solarolo l’incontro per celebrare il decennale dalla fondazione del Consiglio Comunale dei Ragazzi. Ad organizzare questo consesso per la prima volta nel 2001 fu l'attuale sindaco Fabio Anconelli, allora assessore comunale.

"L’idea è stata poi portata avanti grazie diversi collaboratori che si sono spese per questo – ha detto Anconelli di fronte ad una platea di ex consiglieri ed ex sindaci dei vari CCR succedutisi annualmente – La mia proposta fu accolta dall’allora sindaco Bezzi e nel 2001 partimmo come esperimento. Col tempo l’iniziativa si è consolidata, grazie anche all’ex assessore Denny Conti, che ha saputo poi migliorare l’idea di partenza creando una collaborazione col Centro di Aggregazione Giovanile". Hanno poi preso la parola l’assessore provinciale alle Politiche educative e programmazione scolastica Nadia Simoni, e l’assessore comunale alle politiche educative e formazione professionale Liliana Salvo, che hanno ricordato come il Consiglio Comunale dei Ragazzi rappresenti «una palestra di democrazia, all’interno della quale i giovani imparano ad essere cittadini responsabili e consapevoli».

Complessivamente, dal 2001 ad oggi, sono stati coinvolti 86 ragazzi.  Questi i sindaci dei ragazzi succedutisi a Solarolo: 2001 Stefano Minardi, 2002 Filippo Morini, 2003 Ilaria Rambelli, 2004 Lorenzo Bellini, 2005 Gianmarco Sisti, 2006 Matteo Neri, 2007 Linda Menestrina, 2008 Jacopo Barnabè, 2009 Letizia Raccagni, 2010 Mirco Menicucci, 2011 Fatima Maura Zucchi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.