15 dicembre 2016 - Lugo, Agenda, Arte

L'arte di Celiberti in mostra e in una web serie

Personale a Lugo, inaugurazione il 17 dicembre

Sabato 17 dicembre alle 17 alle Pescherie della Rocca di Lugo, in piazza Garibaldi, inaugura la mostra personale di Giorgio Celiberti dal titolo “Bianchi Neri Rosso”. L'esposizione propone uno sguardo particolare sull'artista, mentre è in programma una web serie.

 

La mostra, spiega il Comune di Lugo, è stata presentata in conferenza stampa al Salone Estense della Rocca di Lugo mercoledì 14 dicembre. Per l’occasione sono intervenuti: Daniele Serafini, responsabile delle attività espositive del Comune di Lugo; Luca Donelli e Gianfranco Tondini, di Gallerie migranti, curatori della mostra; Maria Martinelli, produttore esecutivo della docufiction collegata alla mostra “L’Artista è Innocente - Save the Artist”. Giorgio Celiberti nasce a Udine nel 1929 e inizia a dipingere giovanissimo, è allievo di Emilio Vedova e a diciannove anni partecipa alla prima Biennale del dopo guerra, nel 1948. Giramondo instancabile, forma la sua ricerca e la sua visione attraverso il viaggio, che lo porta a vivere nelle capitali europee, poi negli Stati Uniti e nel sud America. Nel 1965 visita il campo di Terezin, in Cecoslovacchia, e vede le baracche dove i nazisti rinchiudevano i bambini in attesa di essere trasferiti e uccisi. Sui muri sono incisi i loro segni, le poesie, i nomi, i disegni, le impronte del loro breve passaggio, e quelle visioni gli procurano un tale sgomento da imprimere un nuovo e irreversibile indirizzo alla sua pittura, filo conduttore della mostra “Bianchi Neri Rosso”.

 

La mostra farà inoltre la sua comparsa nella web serie “L'Artista è innocente - Save the artist”, prodotta da Kamera Film coproducer Start Cinema con il sostegno della Regione Emilia- Romagna Film Commission. La serie è prodotta da Maria Martinelli, produttore esecutivo e regista, e Luca Donelli e Gianfranco Tondini, fondatori di Gallerie migranti, che raccontano il loro viaggio nel mondo dell'arte contemporanea, con lo sguardo di chi vive il dietro le quinte del mercato dell’arte e la sua complessità.

 

“Questo è un progetto ambizioso e affascinante - ha commentato Daniele Serafini -. Celiberti, protagonista della mostra e fulcro della fiction, è uno degli artisti più importanti del Novecento, ricordiamo che ha partecipato a ben cinque Biennali di Venezia. Vorrei citare un importante collegamento con la città di Lugo: faranno parte della mostra anche alcune steli ispirate dalla visita al campo di concentramento di Terezin; questo elemento legato alla memoria rinnova la vicinanza e amicizia della nostra città con la comunità ebraica”.

 

“Il Celiberti che portiamo è un Celiberti diverso, nelle sue espressioni meno conosciute - hanno sottolineato Luca Donelli e Gianfranco Tondini -. L'artista è conosciuto principalmente al grande pubblico per le sue tele piuttosto grandi dove vi sono presenti cuori o farfalle. Abbiamo scelto, invece, opere poco conosciute legate dal tema cromatico, compresa l'opera grafica”.

 

“La forza motrice di questo progetto è la passione per l'arte contemporanea - ha aggiunto Maria Martinelli -. Stiamo facendo l’episodio pilota e gireremo la seconda puntata a Lugo. La web serie uscirà nella prossima primavera”.

 

La mostra, a ingresso libero, resterà allestita fino al 15 gennaio 2017 e sarà visitabile il giovedì e venerdì dalle 15 alle 18 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18 (chiuso il 25 dicembre, aperto il 26 dicembre). L’esposizione si sviluppa anche negli spazi della Torre del soccorso.

 

La mostra è organizzata con il patrocinio del Comune di Lugo. Per ulteriori informazioni, contattare il numero 347 7367664, oppure 339 2621278.

Tag: celiberti

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017