30 dicembre 2016 - Lugo, Politica

"La Stampa" torna a parlare del sindaco di Lugo Davide Ranalli

"Ha fatto quello che sarebbe logico fosse fatto in tutta Italia: ha raddoppiato il bilancio per la cultura"

Lugo, 32mila abitanti: qui un sindaco giovane "ha fatto quello che sarebbe logico fosse fatto in tutta Italia e invece non si fa: ha raddoppiato il bilancio per la cultura. E, fra le altre cose, si è inventato un festival di musica barocca, Purtimiro, partendo dal presupposto che se attualmente il barocco strapiace in tutto il mondo non si capisce perché non debbia piacere in Italia". Con queste parole, il quotidiano La Stampa torna a parlare di Lugo e delle scelte politiche effettuate in ambito culturale dall'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Davide Ranalli.

L'articolo, apparso sull'edizione del 29 dicembre 2016 a firma del giornalista Alberto Mattioli, si spinge oltre nel giudizio, proprio a riguardo dei risultati ottenuti grazie al festival Purtimiro: "Forse chi prima non sapeva neanche che Lugo esistesse o non l'avrebbe saputa collocare su una carta geografica, adesso l'ha scoperta".

Continua dunque l’interesse della stampa nazionale sul Teatro Rossini di Lugo: l'articolo segue infatti i reportage apparsi su “La Repubblica”, e sulla rivista specializzata “Classic Voice”, oltre al servizio realizzato da Rai News lo scorso 21 dicembre.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.