11 aprile 2017 - Lugo, Politica

Tappa a Lugo per l'onorevole Giovanni Cuperlo

Nell’ambito delle iniziative per celebrare il 72° anniversario della Liberazione dal nazifascismo

Nell’ambito delle iniziative per celebrare il 72° anniversario della Liberazione dal nazifascismo, il Comune di Lugo ha organizzato un incontro rivolto a tutta la cittadinanza e a studenti lughesi con l’onorevole Giovanni Cuperlo per parlare dei principi fondamentali della Costituzione italiana. L’incontro si è svolto lunedì 10 aprile alle 11.45 nell’aula magna dell’istituto tecnico “Giuseppe Compagnoni”.

 

“La Liberazione fu la premessa per un’opera immensa, titanica, che fu la ricostruzione morale e materiale di questo Paese - ha dichiarato Gianni Cuperlo durante il suo intervento -. Dal 10 giugno 1940 alla metà 1945 morirono circa 440mila italiani, molti dei quali erano vittime civile. Alla fine della guerra si presentava un panorama di macerie, bisognava ricostruire il Paese e la sua identità, dopo 20 anni di dittatura. Vi era il desiderio di recuperare il terreno perduto, di dare vita a una rinascita, una ripartenza. In questo contesto nacque la Costituzione, ovvero quel testo che fa sì che libertà e diritti siano quelli che voi state conoscendo sulla base della vostra esperienza e della vostra vita”.

 

L’onorevole Cuperlo ha citato l’Articolo 3, che sancisce il principio di uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, sottolineandone l’innovazione: “Il Comma 2 di questo Articolo introduce una novità assoluta nel panorama internazionale, in quanto è scritto che «è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono l’effettivo esercizio di quella uguaglianza»”.

 

Cuperlo ha poi citato l’Articolo 36, nel quale viene sancito che ogni lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del lavoro prestato e comunque tale da garantire a lui e alla sua famiglia un’esistenza libera e dignitosa.

 

“Dentro la Costituzione sono scritti dei principi: è compito di tutti ricollocare quei principi e quei valori nel tempo che ci è dato da vivere. La Costituzione italiana è stata pensata per vedere lontano, poiché i nostri padri costituenti hanno saputo immaginare sul lungo periodo. Manzoni nei Promessi sposi fa dire a don ferrante che la storia senza politica è come una guida che cammina senza nessuno dietro che impari la strada e così facendo getta via i suoi passi; ma la politica senza la storia è come uno che cammina senza una guida, e in fondo senza una meta”.

 

“Se siamo il grande Paese che siamo - ha concluso Cuperlo - è perché qualcuno prima di noi si è battuto affinché potessimo essere una grande nazione di libertà, di diritti, di emancipazione, e ci ha consegnato una Costituzione che ci ha garantito di arrivare fino a dove oggi siamo”.

 

L’onorevole Cuperlo è membro della Prima commissione permanente del Senato (Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni). Il compito della Commissione è quello di valutare progetti di legge di revisione alla Costituzione e altre leggi costituzionali e, per quanto riguarda la legislazione ordinaria, l'ordinamento generale dell'amministrazione pubblica e la disciplina generale del pubblico impiego.

 

Cuperlo ha colto l’occasione per visitare il teatro Rossini, il Pavaglione e infine la Rocca estense. L’onorevole ha inoltre preso una copia del programma con i prossimi appuntamenti al teatro Rossini.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.