2 febbraio 2019 - Lugo, Politica

La presentazione dei Gruppi Civici Partecipazione sociale e Alfonsine solidale

Importante successo di pubblico a Lugo

Successo alla presentazione dei Gruppi Civici Partecipazione sociale e Alfonsine solidale

Importante successo di pubblico ieri sera a Lugo nella sala del centro sociale il Tondo, alla presentazione dei Gruppi Civici Partecipazione sociale e Alfonsine solidale.

Le parole del Portavoce di Partecipazione sociale, Gilberto Minguzzi

"La realtà che abbiamo davanti è fatta di grandi potenzialità, ma purtroppo anche diseguaglianze crescenti, nuova esclusione, rancore sociale.

L’organizzazione dell’assistenza agli anziani, da noi fra le più avanzate in Europa, non dispone più di risorse sufficienti, così da costringere tanti a cercare soluzioni nell’ambito di un mercato privato, dove l’unica garanzia di qualità del servizio è la capacità di spesa degli assistiti. I tagli alla spesa sanitaria ed il blocco delle assunzioni protratto per anni hanno portato anche il nostro ospedale sull’orlo della perdita dei requisiti di ospedale per acuti. Il disimpegno dello Stato nelle politiche di integrazione dei migranti economici è stato via via sostituito con una pericolosa spinta verso la clandestinità di quanti invece, integrandosi, potrebbero contribuire allo sviluppo. E infine il riscaldamento globale, lo smog e le polveri sottili. Le nostre comunità posseggono un patrimonio immenso di laboriosità e solidarietà che rappresentano una inestimabile risorsa per lo sviluppo e il progresso sociale. Ma affinché queste potenzialità si liberino occorre guardare in faccia le criticità sociali che ne frenano l’espressione e poi superarle nei fatti, non distrarsi con narrazioni fantasiose che invece di risolvere i problemi, li rimuovono, fingendo che tutto vada bene, perché tutto va bene per pochi, mentre molti stanno invece arretrando".

Le parole di Angelo Antonellini, portavoce di Alfonsine solidale

Angelo Antonellini, portavoce di Alfonsine solidale, ha sottolineato la contrarietà del gruppo nei confronti di nuove attività di ricerca di giacimenti sotterranei di metano, in particolare nell’area del Parco del Delta.

"Tanto meno è accettabile l’attività di estrazione di metano in un territorio fragile, già pesantemente danneggiato dalla subsidenza o addirittura lo stoccaggio sotterraneo con il ricorso alla sovrappressione di immissione a livelli mai applicati sul territorio nazionale, ciò che suscita un comprensibile allarme tra la popolazione".

Le parole di Giuseppe Masetti e Luigi Rambelli

Giuseppe Masetti, Direttore dell’Istituto Storico della Resistenza, ha espresso preoccupazione per il degrado della cultura politica cui si assiste e per il rischio della trasformazione della marginalità sociale causata dalla crisi, in un inguaribile rancore ed in aggressività: "Tutto questo è terreno di coltura della destra che da così corpo al suo eterno bisogno di un nemico per nascondere i limiti della propria proposta politica".

Luigi Rambelli, citando il climatologo Luca Mercalli ha affermato che “la terra si sta surriscaldando e questo renderà la vita molto più difficile da qui al 2100, se non sapremo cambiare la rotta, producendo meno rifiuti, utilizzare energie rinnovabili, ridurre i consumi di energie fossili, usare mezzi di trasporto non inquinanti e molto altro…”. 

Le parole dell'on. Pierluigi Bersani

"Siamo davanti ad un cambiamento di fase che ha il sapore della storia più che della cronaca - ha esordito l’on. Pierluigi Bersani nel suo saluto -. Non c’è più solo una questione di povertà, ma una percezione dilagante di insicurezza, una divisione tra chi si sente garantito e chi ha bisogno di tutele. La destra lavora per trasformare il sentimento di esclusione di molti, in aggressività verso gli altri. Stanno entrando nella testa della gente pensieri cattivi. Se lasciamo troppo correre, si innescheranno meccanismi autoritari classici. L’ondata sovranista e protezionistica ha fermato l’economia mondiale. Dalla legge di bilancio approvata non abbiamo niente per gli investimenti, niente per i giovani e nel 2020 e 2021 si dovranno trovare le risorse per coprire 53 mld di clausole di salvaguardia dall’aumento dell’IVA! Con un prelievo medio del solo 0,8% sulle grandi ricchezze (il 5% della popolazione detiene la ricchezza equivalente a quella posseduta dal 90%) si renderebbero disponibili 4-5 MLD annui, che consentirebbero di contrastare la povertà e sostenere gli investimenti, senza gravare lo stato di nuovi debiti. Per tutte queste ragioni bisogna incoraggiare il civismo, laico e cattolico, anche fuori dal canali classici della politica, per dare vita ad uno schieramento progressista largo e popolare e costruire l’alternativa alla destra".

Tag: bersani

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.