19 marzo 2019 - Lugo, Società

Lugo: Inaugurato l'ampliamento della scuola Codazzi - Gardenghi

Due nuove aule e un ampio spazio polivalente

Martedì 19 marzo è stato inaugurato l’ampliamento realizzato alla scuola primaria “Codazzi Gardenghi” di Lugo. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Davide Ranalli, gli assessori Pasquale Montalti,Fabrizio Lolli e Fabrizio Casamento, la dirigente scolastica Daniela Geminiani, il dirigente del Servizio Patrimonio Giovanni Liverani, la dirigente dei Servizi Educativi dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Daniela Guerrini, il presidente della Circoscrizione Lugo est Doriano Tamburini.

Le parole del sindaco

Questo è un momento di grande gioia per la città di Lugo - ha dichiarato il sindaco Davide Ranalli -. Una scuola che si rinnova è una scuola viva, è l’immagine di una città che ha a cuore il proprio futuro e lo fa partendo dai più piccoli. In questi cinque anni abbiamo scelto di dare priorità al nostro patrimonio scolastico nell’ambito della pianificazione dei lavori pubblici, unendo manutenzione e innovazione, perché crediamo che far crescere le nostre ragazze e i nostri ragazzi in ambienti decorosi non potrà che avere, un domani, ricadute positive su tutta la città. Il taglio del nastro di oggi è stato più di un gesto simbolico, è stato il suggello di un impegno portato avanti con convinzione e concretezza. Ci tengo in questo momento a ringraziare anche tutti coloro che hanno lavorato per arrivare a questo risultato, dalle maestranze, fino al personale scolastico che ha fatto in modo che tutto fosse pronto per la giornata di oggi”.

Il progetto

I lavori hanno portato alla realizzazione al piano primo di due nuove aule di didattica laboratoriale e di un ampio spazio polivalente da destinarsi ad aula magna e attività didattico-culturali, nonché trasformabile (mediante l’installazione di pareti attrezzate) in altre due aule per la didattica. L’ampliamento dell’edificio scolastico è stato realizzato soprelevando la parte bassa della mensa (nel lato di via Lino Guerra), dunque a consumo di suolo zero. In tutto i nuovi spazi scolastici potranno accogliere fino a cento studenti e sono destinati, in un primo momento, ad attività polivalenti e di laboratorio. Sono stati inoltre inseriti i cappotti termici, ai fini dell’isolamento, del risparmio energetico e del comfort interno, dotando i nuovi spazi di un sistema di raffrescamento e riscaldamento a pompa di calore, sono stati sostituiti tutti i luminelli della parte preesistente e ritinteggiate diverse facciate esterne. La sopraelevazione ha permesso inoltre di realizzare l’adeguamento sismico di tutta l’ala dell’edificio interessata dai lavori.

La spesa

L’importo complessivo dell’investimento è stato di 500mila euro e i lavori principali sono stati eseguiti nei mesi estivi del 2018, in modo da non arrecare alcun intralcio alla ripresa delle attività dell’anno scolastico 2018-2019, mentre gli interventi di finitura sono stati ultimati nei primi mesi del 2019. La scuola elementare “Codazzi-Gardenghi” è stata realizzata in più fasi, a partire dalla fine degli anni Cinquanta, quando è stata costruita la prima parte dell’edificio a due piani su via Dei Melandri. In seguito è stata ampliata, prima in corrispondenza dell’ingresso e poi con quattro nuove aule con il ricavo complessivo di 12 spazi per aule, laboratori e segreteria. Negli anni ’80 è stato poi ampliato nuovamente l’edificio con l’aggiunta di cinque nuove aule al piano terra e altrettante al primo piano. All’inizio degli anni 2000, infine, è stato realizzato un ulteriore corpo di fabbrica, comprendente la mensa al piano terra, quattro aule e un laboratorio al primo piano. Negli stessi anni è stata realizzata anche la palestra.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019