19 aprile 2019 - Lugo

Partita da Passogatto la seconda edizione dell' "Ape Romagna Tur"

Inevitabile il ricordo a Vittorio "Topone" Piva deceduto a ottobre, e che aveva preso parte alla prima edizione

È partita venerdì 19 aprile 2019 da Passogatto di Lugo la seconda edizione di “Ape Romagna Tur”, il giro (scritto appositamente “tur”, storpiando l’inglese tour) che prevede un percorso totalmente a bordo del ciclomotore a tre ruote più famoso del mondo. Alla partenza era presente, per salutare i partecipanti, anche il sindaco di Lugo. Il “tur” si terrà in quattro giorni.

Da Passogatto si procederà con un percorso fatto di numerose tappe, che toccheranno tutti gli estremi della Romagna: dal territorio di Lugo a Massa Lombarda, poi Sant’Agata sul Santerno, Barbiano, Brisighella, Tredozio e Santa Sofia, dove ci sarà la sosta per la prima nottata. Ripartenza il 20 aprile per Bagno di Romagna, Sarsina, Sogliano al Rubicone, Santarcangelo di Romagna, Morciano, Cattolica, Rimini e ritorno a Santarcangelo, dove ci si fermerà per la seconda notte. Il terzo giorno si va verso Forlimpopoli, Bertinoro, Predappio, Castrocaro Terme, Forlì, Ravenna e Marina Romea. Infine, il quarto e ultimo giorno i partecipanti all’Ape Romagna Tur ritorneranno verso Passogatto con tappe a Casal Borsetti, Sant’Alberto, Alfonsine e Lavezzola. 

Sono sei le Apecar partecipanti, condotte da Francesco Leoni, Stefano Leoni, Ivo Menegazzo, Vittorio Tavaniello, Lorenzo Vetricini e Sakiri Ajradin. Scopo dell’iniziativa è valorizzare l'identità della Romagna, dimostrando che è possibile intraprendere un percorso alla scoperta delle bellezze del territorio, anche con un mezzo di trasporto non convenzionale per un turista.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.