4 febbraio 2020 - Lugo, Economia & Lavoro

Albicocchi in fiore, ma deve arrivare il gelo: agricoltori preoccupati

Coldiretti: “Assicurazioni la finiscano di tentennare e aprano la campagna assicurativa”

In collina 22° e albicocchi in fiore: timore per il ritorno del gelo

La finta primavera, che per via degli sfasamenti stagionali sta interessando la nostra provincia e in particolare le aree collinari del Faentino dove da due giorni la temperatura ha superato i 20° e le piante di albicocco sono in fiore, preoccupa e non poco gli agricoltori.

“Queste temperature alte rispetto alla media stagionale stanno mettendo in difficoltà la natura – afferma Nicola Grementieri, frutticoltore di Casola Valsenio e Presidente Coldiretti per il Comprensorio dell'Alto Faentino – con gli albicocchi già fioriti e il rischio di una brusca inversione termica da qui a pochi giorni – prosegue l’imprenditore agricolo – temiamo seriamente per la salute delle piante e quindi anche per ciò che sarà dei nostri raccolti e del nostro reddito”.

“Il preventivato arrivo di un flusso di aria fredda ed instabile, associato ai venti forti che già in queste ore stanno interessando le zone collinari – afferma Coldiretti Ravenna – potrebbe infatti innescare gelate notturne con un inevitabile choc termico per le piante tale da provocare ingenti danni”.

“Necessità della campagna assicurativa”

Davanti a questa evidente tropicalizzazione del clima, con temperature ben oltre la media stagionale e scenari primaverili che in un battito di ciglia possono essere spazzati via da un prepotente ritorno dell’inverno, a rimetterci sono in primis gli imprenditori agricoli. Il clima pazzo, infatti, è in grado di azzerare in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori con perdita della produzione e costi supplementari da sostenere per riseminare e ripiantare.

“Riteniamo quindi necessario sollecitare ancora una volta le compagnie assicurative affinché aprano la campagna assicurativa contro gelate tardive, brina, pioggia e vento forte. Questi tentennamenti, tanto più che è previsto che debbano trascorrere 13 giorni tra la firma dell’assicurazione e l’effettiva copertura assicurativa delle colture, conclude Coldiretti, non sono più tollerabili”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.