12 agosto 2016 - Bagnacavallo, Politica

Presentato a Bagnacavallo il Documento unico di programmazione per i prossimi tre anni

Durante la seduta del Consiglio Comunale

Il sindaco di Bagnacavallo Eleonora Proni ha presentato lo schema del Documento unico di programmazione (Dup) 2017-2019 nella seduta del Consiglio comunale di lunedì 1° agosto.

Il Dup individua le principali scelte dell'amministrazione, gli indirizzi generali di programmazione, le risorse finanziarie e i relativi impieghi, gli investimenti e la realizzazione delle opere pubbliche, i tributi e le tariffe dei servizi pubblici, la spesa corrente, la gestione del patrimonio, l'indebitamento con analisi della relativa sostenibilità, la disponibilità e la gestione delle risorse umane. Il documento si compone di una sezione strategica e di una sezione operativa e analizza tutti gli argomenti con linguaggio chiaro e l'ausilio di tabelle e grafici.

 

In sede di premessa il sindaco ha spiegato che la seconda parte del mandato dovrà essere incentrata anche sullo studio e sulla verifica del sistema Unione dei Comuni della Bassa Romagna. "La scelta dell'Unione non è in discussione, ci serve però capire se il suo funzionamento può essere migliorato. Occorre rafforzare soprattutto i meccanismi di solidarietà e compartecipazione tra i Comuni coinvolti, per poter giocare un ruolo centrale nelle future politiche di Area Vasta Romagna"

Per quanto riguarda poi gli obiettivi programmatici dell'amministrazione di Bagnacavallo, Eleonora Proni ha ribadito che anche se "la pesante congiuntura economica, nonostante i primi segnali di ripresa, continua a rendere difficile il raggiungimento degli obiettivi, la storia e la cultura del nostro territorio da un lato e gli indirizzi di mandato dall'altro portano a escludere chiusure, riduzioni di qualità dei servizi e tagli drastici ai trasferimenti verso famiglie, imprese e associazioni. Arginare il possibile impoverimento delle famiglie è e resta una priorità di questa amministrazione, come anche promuovere e incentivare una buona occupazione attraverso legalità e regole chiare e condivise. Pertanto i bilanci del mandato privilegeranno le politiche di riordino organizzativo e di cambiamento delle forme di gestione dei servizi, a livello comunale e di Unione dei Comuni".

Tra gli interventi che verranno avviati a breve ci sono l'adeguamento sismico dei due plessi della scuola secondaria di primo grado di Bagnacavallo e l'adeguamento alle norme antincendio del polo scolastico di Villanova, il rifacimento delle facciate del Palazzo Comunale e di Palazzo Vecchio, a seguito del quale sarà effettuata una riorganizzazione degli uffici e degli spazi comunali, l'adeguamento dell'edificio di via Stradello sede del magazzino della Protezione Civile, un percorso ciclabile da via Entirate verso il centro di Traversara. Inoltre, i lavori di adeguamento statico, sismico e funzionale dei ponti dell'Albergone sul Lamone e della Chiusa, in prossimità del fiume Senio tra Bagnacavallo e Lugo, che sono stati progettati e saranno realizzati dalla Provincia, risulteranno complementari alla realizzazione della pista ciclabile Lugo-Bagnacavallo.

Tutti gli interventi citati sono possibili grazie anche a contributi statali e regionali.

A proposito invece dei principali interventi del triennio 2017–2019, in attesa di conoscere il responso della candidatura del progetto presentato dall'Unione dei Comuni alla Regione, che per Bagnacavallo prevede la riqualificazione del Teatro Goldoni con recupero del ridotto, altri importanti progetti sui quali si sta cercando di attivare canali di finanziamento e collaborazioni riguardano: il recupero dell'ex casa del custode del Museo di Bagnacavallo per qualificare, migliorare e ampliare gli spazi dedicati alla biblioteca, all'archivio storico e creare una fototeca, la riqualificazione energetica del polo scolastico di Villanova, il completamento della pista ciclopedonale Naviglio Superiore in direzione sud oltre il centro storico fino al confine con il comune di Cotignola, un percorso ciclonaturalistico sul fiume Senio, la ristrutturazione della casa colonica annessa all'area di riequilibrio ecologico “Podere Pantaleone”, da adibire a luogo di accoglienza visitatori e attività di laboratorio, la graduale sostituzione degli impianti dell'illuminazione pubblica con nuovi apparecchi a led, il miglioramento dell'assetto idraulico del bacino del Redino, una nuova pista ciclopedonale a Rossetta.

Il sindaco ha ricordato infine i due interventi più rilevanti per il territorio: la realizzazione di un nuovo svincolo autostradale a est della città, opera che sarà progettata e realizzata dalla Provincia con il contributo della Regione e che è ora al vaglio della Società Autostrade, e il sottopasso ferroviario in via Bagnoli Superiore.

Relativamente a quest'ultimo, a seguito dell'accordo di programma fra Rfi, Regione, Provincia e Comune sottoscritto nel precedente mandato, nel 2015 è stata stilata una “Dichiarazione di intenti” fra Comune e Rfi per definire il percorso che dovrà approdare a una scelta progettuale condivisa e sostenibile economicamente. Al momento, il progetto preliminare presentato da Rfi è stato depositato ad Arpa per la procedura di screening tesa alla valutazione dell'impatto ambientale.

Dopo le eventuali osservazioni dei gruppi consiliari, il Dup verrà sottoposto all'approvazione del Consiglio comunale.

Il documento integrale è consultabile sul sito www.comune.bagnacavallo.ra.it, nella sezione Comune.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.