19 ottobre 2016 - Bagnacavallo, Cronaca

Da Bagnacavallo al Giappone, ecco la "piazza Nuova d'Oriente"

Il sindaco Elenora Proni in trasferta per l'inaugurazione

A inizio novembre il sindaco di Bagnacavallo Eleonora Proni sarà in Giappone per promuovere la città, il territorio e i prodotti tipici.

In particolare, sabato 5 inaugurerà assieme a Toshiyuki Takanami, titolare della catena giapponese di ristoranti italiani Quals a Jōetsu, nella prefettura di Niigata, un edificio dal nome Piazza Nuova Shimo Monzen, esplicitamente ispirato alla piazza Nuova di Bagnacavallo. All'interno della struttura, realizzata dall'azienda Quals e che già ospita un ristorante italiano, è previsto trovino sede altri locali di vendita di prodotti alimentari e vini importati dall’Italia. L’idea di costruire il nuovo edificio è nata in Takanami quando, visitando Bagnacavallo, ha riscontrato nella settecentesca piazza Nuova una vera immagine di italianità.

Successivamente il sindaco incontrerà, lunedì 7 novembre, un consigliere della prefettura di Fukui al quale illustrerà le caratteristiche di Bagnacavallo.

La trasferta in Giappone è frutto di un'iniziativa congiunta tra Massimo Randi, titolare insieme al fratello Denis dell'azienda agricola Randi di Fusignano, che fa parte del Consorzio “il Bagnacavallo” e produce tra gli altri i vini Bursôn e Rambëla, e Toshiyuki Takanami.

Altri momenti di promozione del territorio da parte di Eleonora Proni sono in programma il 4 e il 6 novembre, a Tokyo e a Fukui, in occasione di degustazioni con i vini di Randi, che accompagneranno anche l'inaugurazione di Piazza Nuova Shimo Monzen, nell'ambito del tour asiatico di promozione e divulgazione dei propri prodotti in cui l’azienda è impegnata nel mese di novembre.

 

La settecentesca piazza Nuova di Bagnacavallo, cui si ispira l'edificio di Jōetsu, è una piazza ovale porticata che fu costruita appositamente per ospitare il mercato, con le macellerie, le pescherie e le botteghe dell'olio. È il primo esempio in Romagna di centro attrezzato per il commercio. Restaurata negli anni '90, oggi ospita un'osteria, un’enoteca e un laboratorio artigianale. È sede ideale di spettacoli musicali e teatrali, iniziative enogastronomiche ed esposizioni.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.