9 gennaio 2017 - Bagnacavallo, Cronaca

"Raccoglitori creativi", un corso per imparare a impagliare le sedie

All'Ecomuseo delle Erbe Palustri

L’Associazione Culturale Civiltà delle Erbe Palustri organizza, nelle giornate del 21 e 22 gennaio, "Raccoglitori creativi", un corso di impaglio della sedia. Tutti potranno cimentarsi nell'utilizzo della carice, guidati dal maestro impagliatore Fortunato Caruso.

Il corso di impaglio della sedia 2017 prevede di realizzare la classica copertura così chiamata “a busta” utilizzando un'erba palustre, la carice, conosciuta nella Bassa Romagna con la denominazione dialettale zléna, anche utilizzata per la realizzazione di funicelle e legacci per i covoni del grano. Le politiche didattiche dell’Ecomuseo delle Erbe Palustri sono finalizzate a tramandare e salvaguardare l’arte dell'intreccio del selvatico, proponendo la realizzazione di manufatti tradizionali, fornendo ogni tipo di nozione utile anche per procurarsi la materi prima.

I corsi, sono rivolti sia ad adulti che abbiano già fatto una prima esperienza di intreccio, sia a persone inesperte, alle prime armi.

Per il corso dell'impaglio della sedia, si potranno iscrivere al massimo 5 partecipanti, per garantire l’apprendimento approfondito delle tecniche. Il Cantiere Aperto si avvarrà di un esperto maestro intrecciatore: Fortunato Caruso. Durante il corso sarà il “Cantiere Aperto” a fornire le materie prime per la realizzazione dei manufatti.

Il corso, che si svolgerà presso l'Ecomuseo delle Erbe Palustri, nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 gennaio, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 17.00, ha un costo di €80,00 a persona, pranzi compresi. 

Durante la prima giornata, i partecipanti saranno accolti nella sala didattica del museo per un incontro introduttivo con audiovisivo, che presenta la storia dell’arte e dei luoghi di provenienza della materia prima. Per chi non conosce l'esposizione museale, seguirà una breve visita nelle sezioni del museo dedicate all’intreccio, al fine di approfondire la visione dei manufatti e delle tecniche di lavorazione ottocentesca.

La visita si conclude con una passeggiata nell’Etnoparco “Villanova delle Capanne” per osservare le stupende costruzioni in canna palustre, gli impianti di salice vivo, per la realizzazione di siepi vive e morte, e ammirare la ricca mostra di presepi creativi esposti nel parco, nelle capanne e all'interno del museo.

Il corso entra nel vivo già nella mattinata del primo giorno con la selezione della materia prima e l'inizio della realizzazione dei manufatti, sotto la supervisione dei maestri intrecciatori.

 

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare l' Ecomuseo delle Erbe Palustri (via Ungaretti 1 - 48012 Villanova di Bagnacavallo, tel. 0545.47122 Fax 0545.47950, e-mail: erbepalustri@comune.bagnacavallo.ra.it www.erbepalustri.it FB: Ecomuseo della Civiltà Palustre)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017