Andrea Liverani (Lega): "Bancomat assaltati, la sicurezza continua ad essere trascurata"

E' bene che i sindaci del nostro territorio si rendano conto della minaccia rappresentata dal sensibile aumento della criminalità

“Occorre alzare la guardia contro la criminalità ed il senso di insicurezza che vivono i cittadini romagnoli. I tre assalti ai bancomat avvenuti la notte scorsa sono indicativi di come, evidentemente, i delinquenti abbiano individuato il Ravennate come zona da saccheggiare. E' bene che, finalmente, i sindaci del Pd del nostro territorio si rendano conto della minaccia rappresentata dal sensibile aumento della criminalità che registriamo negli ultimi anni e comincino a predisporre adeguate misure di contrasto al fenomeno”.
E' quanto dichiara il consigliere regionale della Lega, Andrea Liverani, con riferimento all'assalto avvenuto la notte scorsa al Postamat all’ufficio postale di Conselice, in via Buscaroli, a quello della filiale di piazza Umberto I della Cassa di Risparmio di Ravenna a Sant’Agata sul Santerno e infine a quello di Lugo, dove i banditi hanno fatto saltare il bancomat del Credito Cooperativo di via Fiumazzo.
“Probabilmente a “colpire” è stata la medesima banda che, a quanto parrebbe, sarebbe specializzata in questo genere di furti. I cittadini romagnoli chiedono sicurezza, è venuto il momento che i sindaci del Pd se ne rendano conto e comincino ad approntare soluzioni al problema” conclude Liverani.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.