14 novembre 2019 - Cotignola, Cultura, Eventi

Cotignola: Sabato 23 novembre al teatro Binario "Farfalle, storia delle sorelle Mirabal"

Lo spettacolo che inizia alle ore 21 racconta la storia delle 4 donne nate nella Repubblica Dominicana che lottano contro il regime del generale Trujillo

Lo spettacolo racconta la storia delle sorelle Mirabal: Minerva, Mati, Patria e Dedè, quattro donne nate a Ojo de Agua (Salcedo), nella Repubblica Dominicana, che lottarono contro il severo regime del generale Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961). Il regime durò più trent’anni, furono uccisi circa 30.000 Haitiani, a causa di una politica xenofoba. Le sorelle Mirabal crebbero con un senso di rivendicazione e giustizia, lottarono per la libertà di ogni individuo e per l’emancipazione femminile, fondarono e divennero l’anima del movimento 14 giugno, movimento nato per combattere il regime, la loro parola d’ordine era Mariposas: “Farfalle”. Le farfalle si moltiplicarono velocemente. Grazie al loro coraggio e alla loro perseveranza il regime cadde.

A Dedè, unica sorelle superstite il compito di raccontare.

Quando l’assemblea delle Nazioni Unite ha istituito la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ha scelto il 25 novembre in ricordo dell’uccisione delle sorelle Mirabal, avvenuta nel 1960 a Santo Domingo. In loro memoria, il 25 novembre del 1981 ci fu il primo Incontro Internazionale Femminista delle donne latinoamericane e caraibiche. Da quel momento in poi, il 25 novembre è stato riconosciuto in larga parte del mondo come data per ricordare e denunciare il maltrattamento fisico e psicologico su donne e bambine. La data è stata poi ripresa anche dall’Onu quando ha approvato la risoluzione 54/134 del 17 dicembre del 1999. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.