17 luglio 2017 - Fusignano, Cronaca

Gli scioperi a rovescio degli anni '50 rivivono in un murale a Fusignano

Una storia ricordata grazie all'opera realizzata da Simone Ferrarini del Collettivo Fx

Un nuovo murale in centro a Fusignano, in via Curiel, racconta gli “scioperi alla rovescia” dei braccianti locali, avvenuti nel 1952 e nel 1957.

 

Negli anni ’50 nei luoghi più rivoluzionari d'Italia prese piede una particolare forma di protesta detta poi “sciopero a rovescio” che vedeva protagonisti i braccianti a cui veniva tolto il lavoro. I lavoratori della Cooperativa braccianti furono i protagonisti, infatti, delle singolari forme di protesta che venivano realizzate lavorando le terre contro il parere dei padroni, con lo scopo di conquistarle in compartecipazione ed economia. In questa maniera la cooperativa ottenne il fondo Saldine nel 1957 e ancor prima, nel 1952, invase il bosco che era stato proprietà dei Calcagnini d’Este e che in quel momento apparteneva ai signori Cortesi e Savorelli di Bagnacavallo. Il bosco era in quel momento una terra incolta ai confini del paese, i cui magnifici alberi erano stati abbattuti e distrutti a causa dei bombardamenti inglesi. Tre o quattrocento braccianti invasero quel terreno armati di zappe per prepararlo alla semina ma dopo un paio d’ore di lavoro furono interrotti dalle forze dell’ordine e dovettero andarsene.

 

Queste azioni si inserivano in un momento molto interessante a livello nazionale. In varie parti d'Italia, infatti, ci furono diversi scioperi alla rovescia, il più noto a Partinico a opera di Danilo Dolci e Peppino Impastato.

 

Questa storia, che toccò anche Fusignano, è ora ricordata grazie al dipinto realizzato da Simone Ferrarini del Collettivo Fx di Reggio Emilia, che ha realizzato un’opera di micro riqualificazione urbana, che sorge proprio dove sorgeva il bosco.

 

Soddisfatto il sindaco Nicola Pasi: “Un artista, una storia locale, un muro mai tinteggiato del centro. Tre elementi per un'opera di micro riqualificazione urbana a riscoperta della storia locale, o meglio, una di quelle tante piccole storie scritte dalla nostra gente”.

 

Il Collettivo FX di Reggio Emilia è specializzato nella realizzazione di opere sui temi della memoria, della cultura e del patrimonio storico e annovera tra le proprie produzioni interventi pubblici per musei di rilevanza nazionale.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.