3 settembre 2019 - Fusignano, Arte

Fusignano: Allo spazio Cose Belle la mostra "Society" delle sorelle Renata e Cristina Cosi

Inaugurazione il 5 settembre; in esposizione opere scultoree in gres bianco

Giovedì 5 settembre alle 18 inaugura allo Spazio Cose Belle di Fusignano, in corso Emaldi 51, la mostra scultorea di arte contemporanea “Society”, delle sorelle Renata e Cristina Cosi.
Nella storia si sono susseguite molteplici società: ciascuno è contenuto in una categoria sociale che poi si trasforma in vissuto personale. La società è costantemente rimodellata dall’uomo che nel tentativo di tracciare il suo percorso può arrivare a rompere la purezza formale dell’involucro. È proprio da personali riflessioni e analisi delle autrici che nascono le opere esposte. Trazioni e torsioni delle opere, realizzate partendo da spessi blocchi di gres bianco naturale, possono essere lette come tensioni personali e quindi sociali.
“L’essere sorelle, avere un vissuto e un’interpretazione condivisa, ci permette di dare forma a un comune linguaggio visivo - spiegano Renata e Cristina -. Lavoriamo a quattro mani partendo da spessi blocchi di gres bianco naturale, che diviene il velo, il vestito, il tessuto ideale per creare involucri, confezioni, contenitori che simboleggiano la società”.
Renata Cosi (1983, Cesena) e Cristina Cosi (1980, Cesena) si diplomano all’istituto d’arte Federico Fellini di Riccione. Dopo aver proseguito in ambiti formativi diversi, Renata, progettista ceramico (Fondazione Zavatta, Rimini, 2005) e Cristina, illustratrice (Scuola del libro, Urbino 2002), mettono in relazione le reciproche esperienze unendo la conoscenza delle tecniche ceramiche e il disegno.

Il dialogo, il confronto e un punto di vista etico ed estetico condiviso, portano Renata e Cristina allo sviluppo di un comune linguaggio visivo che caratterizza il loro percorso nell'arte contemporanea. Realizzano sculture a quattro mani con impasti ceramici abbinati a resina, metallo, legno e filati. La loro ricerca poetica mette il focus sull'imprescindibile relazione che intercorre tra individuo e società. Espongono con la galleria Lara e Rino Costa di Valenza (Alessandria).
Parallelamente al mondo dell’arte collaborano con studi di architettura e interior designers realizzando installazioni “site specific” e nel settore della moda hanno sviluppato e realizzato prototipi e accessori in ceramica per importanti marchi, tra i quali Dolce&Gabbana, Versace, Max Mara, Blumarine. Creano un brand di bijoux dal design scultoreo selezionato anche per: “Wion- Room Service” a cura di Vogue Italia ed Alta Roma, “Gioielli alla Moda” mostra sul gioiello contemporaneo allestita a Palazzo Reale (Milano) a cura della professoressa di design del gioiello Alba Cappellieri, “Naturalia” mostra sul gioiello dagli anni ’50 ad oggi a cura di Homi Milano.
La mostra, a cura di Francesca Caldari, è a ingresso libero e sarà visitabile dal 5 al 22 settembre il sabato e la domenica dalle 16 alle 18.30; il 6, 7 e 8 settembre dalle 20.30 alle 23. Sono possibili visite su appuntamento da concordare chiamando il numero 339 1145448.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.