1 febbraio 2020 - Fusignano, Cultura

Fusignano: le lettere di Arcangelo Corelli a Roma per essere restaurate

Sono arrivatre all’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario (Icpal), per essere restaurate

Le lettere autografe del grande musicista fusignanese Arcangelo Corelli sono arrivate a Roma, all’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario (Icpal), per essere restaurate. La consegna è avvenuta venerdì 31 gennaio alla presenza del sindaco di Fusignano Nicola Pasi, che si è recato personalmente a Roma. Dopo le verifiche preliminari e autorizzative con la Soprintendenza di Bologna, sono state consegnate all’Icpal, massima istituzione italiana nel campo del restauro del patrimonio archivistico e librario, tre lettere corelliane per poter procedere alle operazioni di diagnosi e restauro. Durante la consegna, il sindaco Pasi ha incontrato la direttrice dell’Istituto Maria Letizia Sebastiani e la dottoressa Lucilla Nuccetelli, che ne seguiranno le analisi diagnostiche, il restauro e la conservazione.

“Fusignano e i suoi cittadini sono molto legati alle loro origini e Arcangelo Corelli è parte integrante della nostra storia – spiega Nicola Pasi -. La raccolta fondi lanciata negli scorsi mesi per acquistare le lettere autografe del maestro Corelli testimonia questo stretto legame. Fusignano, Bologna e Roma sono state le tre città di Arcangelo Corelli e lo sono anche per il restauro delle sue lettere grazie alla collaborazione con la Soprintendenza di Bologna e con l’Icpal”.

Le lettere di Corelli sono state donate al Comune di Fusignano da Sergio Baroni dopo una sottoscrizione popolare in sinergia con la Pro Loco.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.