27 marzo 2014 - Sant'Agata, Cronaca

Una nuova scuola a Sant'Agata sul Santerno

Sabato l'inaugurazione

Sabato 29 Marzo alle ore 10.30 sarà inaugurato il nuovo plesso scolastico di Sant’Agata sul Santerno, in via Roma 6.

 

“L’aumento della natalità a partire dal 2005, e quindi della popolazione scolastica, aveva evidenziato la necessità di trovare spazi nuovi per i futuri alunni della scuola elementare e media del paese - ha sottolineato il sindaco Luigi Antonio Amadei -. Spazi non più reperibili dalla sede esistente, malgrado gli ampliamenti già effettuati all’inizio degli anni 2000. E’ stato perciò studiato un progetto di massima localizzato nella medesima area dove è sorta la nuova struttura”.

 

All’apertura del prossimo anno scolastico, nel settembre 2014, Sant’Agata avrà otto classi primarie nella vecchia struttura e le quattro classi delle scuole medie alloggiate nella nuova; senza la nuova struttura, non sarebbe stato possibile per il paese recepire le istanze di tutti gli alunni.

 

Nella nuova scuola è prevista al piano terra un’ampia stanza attrezzata per la mensa scolastica, che permetterà di eliminare definitivamente il doppio turno dei pasti; sempre al piano terra trovano posto l’atrio di ingresso, la biblioteca/sala informatica, la sala insegnanti e il collegamento con il plesso delle elementari. Al primo piano ci sono tre aule normali, un’aula per la materie tecniche, una per le materie scientifiche; infine, al terzo piano (il secondo non è ancora completato), troveranno posto tre aule, una sala insegnanti/polivalente, un’aula di musica, un’aula per educazione artistica e, sul tetto, un impianto fotovoltaico da 30 kw. Ciascun piano è ovviamente dotato di servizi igienici e bidelleria.

 

La pavimentazione è realizzata in materiale gres-porcellanato antiscivolo. I pavimenti dei servizi igienici sono stati realizzati in ceramica mono-cottura. E’ stata inoltre realizzata una nuova scala antincendio che servirà entrambi i plessi. L’edificio è stato infine dotato di piattaforma elevatrice per disabili.

 

Complessivamente, i lavori sono costati 1 milione 500mila euro, mentre per il completamento del secondo piano saranno necessari ulteriori 490mila euro. Di questi, 140mila euro sono già programmati dal bilancio previsionale 2014, mentre i restanti 350mila sono stati segnalati al Governo quale necessità nell’ambito del piano scuole proposto dal primo ministro Matteo Renzi, che ha chiesto a ogni Comune di indicare un lavoro di recupero prioritario per una singola scuola.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.